Home Concorsi Cortometraggi Risultati dei Concorsi di Cortometraggi Cortopotere IX edizione

Cortopotere IX edizione

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
CONCORSI Cortometraggi - RISULTATI
 Quasi 800 cortometraggi provenienti da tutto il mondo, 54 lavori in concorso, 3 rassegne cinematografiche, 1 convegno sul cinema armeno e 2 giornate dedicate all’ambiente: questi i primi numeri della IX edizione di Cortopotere ShortFilmFestival, il festival del cinema di Bergamo dedicato al mondo del cortometraggio in programma dal 25 al 31 ottobre all’Auditorium di Piazza della Libertà di Bergamo.
Tipologia e informazioni sui cortometraggi selezionati

1 Concorso nazionale (14)
Nonostante la produzione nazionale sia da sempre quella meno protetta e ‘accompagnata’ dalle distribuzioni e dagli investimenti produttivi (si pensi alla vicina Francia che invece dedica al cortometraggio non solo manifestazioni festivaliere, ma programmazioni e distribuzioni capillari), Cortopotere ha ricevuto più di 200 cortometraggi da tutta Italia, 14 dei quali selezionati per il concorso.
La selezione rende testimonianza della produzione italiana attuale: in soli 14 lavori emerge l’alternanza e a volte la scommessa di autori che cercano di allontanarsi dalla consueta narrazione standardizzata, a favore di un’intensità fruitiva che mette lo spettatore di fronte all’inconsueto. Dai lavori più intimisti a quelli che nella leggerezza e nel riso suscitano questioni e problemi più ‘profondi’, dalla denuncia sociale ed esistenziale agli sguardi rivolti sulla contemporaneità ed attualità. Questa alternanza di sguardi e prospettive prende ad esempio le ‘pieghe’ della ricerca antropologica (un documentario su un pastore-donna di 33 anni isolata nelle valli alpine italiane), oppure la visionarietà intimista di una coppia sperduta nelle calli veneziane, così come l’impeto collettivo di una denuncia sociale negli anni della ‘crisi’, fino a toccare momenti di liricità pura con la magia evocativa e rimemorativa delle animazioni.
Segnalazioni e premi ricevuti da alcune opere selezionate:
- Sono state selezionate tre opere prime (Io parlo! di Marco Gianfreda – cortometraggio già premiato al Roma Indipendent Film Festival e che nel 2007 aveva vinto a Cortopotere il premio come miglior sceneggiatura -, Anima mavi di Julia Gromskaya e La rivolta delle posate di Fabio Bottiglione e Alan Gard)
- ci sono poi 3 co-produzioni internazionali (Afluentis co-produzione Italia/Brasile, Maesmak co- produzione Italia/Grecia ed El misterio del Pez co-produzione Italia/Spagna)
- Il più giovane regista in concorso è Matteo Tondini (classe 1988), autore de Il mio ultimo giorno di guerra, cortometraggio premiato al GiffoniFilmFestival nel 2009 (sezione Element + 10)
- Il cortometraggio L’arbitro, di Paolo Zucca, divertente parodia del mondo calcistico dilettante (ma non solo), ha ricevuto nel 2008 il prestigioso premio nazionale David di Donatello mentre quest’anno il Prix Special du Jury al Clermont Ferrand International Short Film Festival, forse il festival cinematografico dedicato al cortometraggio più importante del mondo.
 
2 Concorso internazionale (40)
Il panorama del concorso internazionale è ampio ed eterogeneo sia da un punto di vista quantitativo, sia tematico ed estetico. La selezione raccoglie 21 paesi (15 dall’ Europa, 3 dalle Americhe, 2 dall’Asia e 1 dall’Africa). L’alternanza delle visioni e l’eterogeneità dei linguaggi che sollecitano lo spettatore sono la chiave di volta di una sezione ampia e ricca di specificità. Dall’universo disturbante delle visioni underground (dall’area scandinava soprattutto, si vedano i lavori dalla Finlandia), all’intensità dell’evento rimemorativo (come nella cinematografia francese, ad esempio, con i suoi toni rarefatti ed intimisti), dal mondo surreale al dramma testimoniale e documentaristico di eventi rimossi dalla storia (come nel documentario americano Severing the soul che testimonia dell’ennesimo segreto celato dietro la famiglia Kennedy: la lobotomia su una sorella malata), lavori in cui spesso manca la facile immediatezza percettiva a tutto vantaggio dell’intensità spesante delle grandi opere.
I cortometraggi internazionali inoltre (divisi in: 19 fiction, 5 documentari, 7 opere di ricerca e 9 animazioni), daranno modo allo spettatore di confrontarsi con la distanza che a volte divide ciò che abitualmente ci viene proposto (al cinema e alla tv) con la forza di visioni che spesso ci portiamo dietro ben oltre la soglia delle due ore in sala.
Il compito che Cortopotere ha deciso di intraprendere in questi anni, da quanto cioè nel 2007 ha aperto le porte all’internazionale, è quello di entrare gradualmente nella ‘circolazione’ audiovisiva mondiale, allacciando ad esempio una serie di relazioni internazionali con case di produzione e distribuzione di audiovisivi (Kimuak nei Paesi Baschi, Carlitos in Francia, Av Arki in Finlandia, solo per nominarne alcune) che offrano al pubblico italiano la possibilità di vedere prodotti che altrimenti non troverebbero alcuno spazio distributivo.
Cortometraggi del concorso premiati ai vari festival nazionali ed internazionali:
- 14 di Asitha Ameresekere ha ricevuto il Vienna Short Film Award al Vienna Independent Short Film Festival (Austria) nel 2009
- Jade di Daniel Elliot, Orso d’Argento al 59esimo Festival del cinema di Berlino (2009)
- Smafuglar di Runar Runarsson, ha ricevuto una serie di premi, tra i quali:
Best Fiction, Melbourne International Film Festival (Australia) nel 2008
Best Short Film, Milano International Film festival (Italia) nel 2008
Best Short Film, Warsaw Film festival (Polonia) nel 2008
Golden Horseman for The Kliangmusikpreis, Film Fest Dresden (Germania) nel 2009
Grand Prix, Brussels Short Film Festival, Belgio nel 2009
- Tony Zoreil di Valentin Potier ha vinto:
Main Prize, Prague Short Film Festival Repubblica Ceca (2007)
Jury Prize, Valloire Film Festival, Francia (2008)
Jury Mention, Clermont Ferrand, Francia (2008)
Humor Mention, Aubagne International Film Festival (2008)
Young Jury Prize, Valenciennes international Film Festival, Francia (2008)
- Waramutseho! di Auguste Bernard Kouemo Yanghu:
Poulain de Bronze, FESPACO, Burkina Faso nel 2009
Miglior cortometraggio al Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (Italia) nel 2009
- Fawn di Christoph Rainer:
Honorary Mention, Norwegian International Shortfilm Festival (Norvegia) nel 2008
- Dossie Re Bordosa di Casar Cabral:
2008 National Honorable Mention, It’s All True - Documentary IFF (Brasile)
2008 Best National Script and best Soundtrack, Recife Cinema Festival (Brasile)
2008 Best National Film, Critics Award and Public’s Award, Festival Paulinia de Cinema (Brasile)
2008 Best National Film and Best Brazilian Animation, Animamundi - International Animation
Festival (Brasile)
- Goleshovo di Ilian Metev:
2008 Talent Dove, DOK Leipzig IFF (Germania)
2008 Best Student Film, Molodist IFF (Ucraina)
2009 Best Documentary Film, Sehsuchte IFF (Germania)
2009 Best Director, Timosoara Short Film Festival (Romania)
- Hombres de sal di Manuel Jimenez:
2009 Jury Second Prize National