Home Il Corto Come nasce un corto La scuola e il linguaggio filmico (8) Le location
COME NASCE UN CORTOLa scuola e il linguaggio filmico (10) Piano di lavorazione, Story-board, segretaria di produzione

Il piano di lavorazione Sul piano organizzativo questo fu forse il momento più importante: era necessario ottimizzare i tempi e le risorse di cui disponevamo, pertanto insieme stabilimmo una...
Leggi tutto..

COME NASCE UN CORTOLa scuola e il linguaggio filmico (11) Le riprese, il montaggio grezzo e la revisione on line

Le riprese, il montaggio grezzo e la revisione on line A metà gennaio fummo pronti per le riprese, del resto il nostro piano di lavorazione prevedeva come inizio la data del 21 gennaio...
Leggi tutto..

AVANZATOLa comunicazione e la narrazione

La comunicazione Gli esseri umani comunicano tra loro nelle più svariate forme e per i più diversi motivi. Ad esempio si scambiano parole per informare, gesticolano per salutare, utilizzano...
Leggi tutto..

COME NASCE UN CORTOLa scuola e il linguaggio filmico (13) Valutazione e Risultati

Metodi di insegnamento/apprendimento, risorse/strumenti e procedure Per la decodifica: visione del mediometraggio “Nastro rosa” con breve introduzione per inquadrare la tematica e/o il...
Leggi tutto..

COME NASCE UN CORTOLa scuola e il linguaggio filmico (9) I costumi

Costumi ed elenco dei materiali di scena Venne il momento di elencare tutto il materiale che ci sarebbe servito e di precisare alcuni aspetti relativi alla scelta dei costumi, per un paio di scene...
Leggi tutto..

Altri Articoli

La scuola e il linguaggio filmico (8) Le location

Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
IL CORTO - COME NASCE UN CORTO

Le location

Ma dove avremmo dovuto fare le riprese? In quali luoghi?

Rileggemmo la sceneggiatura cercando di definire i luoghi immaginati durante la stesura del soggetto.

 

 

Stabilimento balneare lungo la costa

 

 

 

 

Elencammo le location necessarie, scena per scena: una casa con un cancello d’ingresso al giardino ed un terrazzo al primo piano, la nostra classe, una cameretta, un soggiorno-cucina, una spiaggia deserta con qualcosa di abbandonato. Ogni alunno, sulla base delle proprie conoscenze del territorio faceva, le proprie proposte, ma decidemmo di prenderci un po’ di tempo per fare mente locale e realizzare alcune ricerche fotografiche

 

L’atmosfera onirica era quello che cercavamo

 

.Individuammo con relativa facilità le location in interni, grazie alla disponibilità dei genitori di un paio di alunni che avevano le loro abitazioni nei pressi della scuola (particolare non trascurabile).

 

Il problema più difficoltoso da risolvere fu trovare una spiaggia adatta ai nostri scopi: grande, deserta, con elementi che dovevano richiamare l’idea del sogno.

Facemmo alcune ricerche tra le mappe di Google per farci una idea generale della costa e poi, un pomeriggio, accompagnai il gruppo degli scenografi, aiuto-scenografi e fotografi a fare una ricerca sul campo.

Osservammo attentamente la spiaggia fotografando alcuni chilometri di costa. Dopo alcune ore di ricerca individuammo uno stabilimento balneare dipinto di bianco e abbandonato: era quello che cercavamo!

Le migliori fotografie delle location, sia interne che esterne, furono poi proiettate in classe. Si discusse e si definirono gli ultimi dettagli.