Home Il Corto Come nasce un corto La scuola e il linguaggio filmico (8) Le location
AVANZATOGli errori che un aspirante regista non dovrebbe mai fare

Avete realizzato un film e nessuno vi ha filati di striscio? Avete proiettato la vostra pellicola in qualche festival e tutto ciò che avete avuto è stato solo qualche sbadiglio? Ecco alcuni errori...
Leggi tutto..

BASEDove andremo a finire se la professionalità, la preparazione e la qualità del lavoro han sempre meno importanza?

La mia mente è ancora in shock... ok sarò un fighetto, sarò abituato a voler il lavoro fatto ad alta qualità, verrò da un mondo completamente sballato ( lavorare spesso all'estero fa male ) ma...
Leggi tutto..

COME NASCE UN CORTOL'Ansia del Giallo. Finanziato il 3° cortometraggio di Viola Folador

PLOT Per Sam la felicità è il colore giallo.E Sam ha deciso che questo è un giorno importante:Questo è il giorno in cui morirà.Perché Sam ha l'ansia del giallo. Ma se proprio...
Leggi tutto..

COME NASCE UN CORTOCome Farsi Venire delle Buone Idee per un Corto (2)

 Prova a filmare la vita vera. Chi ha mai detto che un cortometraggio debba trattare solo di argomenti fittizi? Se vuoi girare un corto, potresti ispirarti al mondo che ti...
Leggi tutto..

AVANZATOSi fa rubare lo smartphone ed il suo corto diventa un caso

Non è certo una novità che oggi i film si possano girare interamente con uno smartphone, ma l’idea di Anthony van der Meer è del tutto diversa e somiglia più a una puntata...
Leggi tutto..

Altri Articoli

La scuola e il linguaggio filmico (8) Le location

Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
IL CORTO - COME NASCE UN CORTO

Le location

Ma dove avremmo dovuto fare le riprese? In quali luoghi?

Rileggemmo la sceneggiatura cercando di definire i luoghi immaginati durante la stesura del soggetto.

 

 

Stabilimento balneare lungo la costa

 

 

 

 

Elencammo le location necessarie, scena per scena: una casa con un cancello d’ingresso al giardino ed un terrazzo al primo piano, la nostra classe, una cameretta, un soggiorno-cucina, una spiaggia deserta con qualcosa di abbandonato. Ogni alunno, sulla base delle proprie conoscenze del territorio faceva, le proprie proposte, ma decidemmo di prenderci un po’ di tempo per fare mente locale e realizzare alcune ricerche fotografiche

 

L’atmosfera onirica era quello che cercavamo

 

.Individuammo con relativa facilità le location in interni, grazie alla disponibilità dei genitori di un paio di alunni che avevano le loro abitazioni nei pressi della scuola (particolare non trascurabile).

 

Il problema più difficoltoso da risolvere fu trovare una spiaggia adatta ai nostri scopi: grande, deserta, con elementi che dovevano richiamare l’idea del sogno.

Facemmo alcune ricerche tra le mappe di Google per farci una idea generale della costa e poi, un pomeriggio, accompagnai il gruppo degli scenografi, aiuto-scenografi e fotografi a fare una ricerca sul campo.

Osservammo attentamente la spiaggia fotografando alcuni chilometri di costa. Dopo alcune ore di ricerca individuammo uno stabilimento balneare dipinto di bianco e abbandonato: era quello che cercavamo!

Le migliori fotografie delle location, sia interne che esterne, furono poi proiettate in classe. Si discusse e si definirono gli ultimi dettagli.