Home Il Corto La Base per il Cortometraggio Avete la stoffa necessaria per diventare un bravo regista?
COME NASCE UN CORTOLa scuola e il linguaggio filmico (6) La sceneggiatura

La sceneggiatura   Come fare a trasformare la nostra idea in un “film sulla carta”? Fu necessario spiegare bene ai ragazzi in cosa consisteva la sceneggiatura che...
Leggi tutto..

COME NASCE UN CORTOLa scuola e il linguaggio filmico (10) Piano di lavorazione, Story-board, segretaria di produzione

Il piano di lavorazione Sul piano organizzativo questo fu forse il momento più importante: era necessario ottimizzare i tempi e le risorse di cui disponevamo, pertanto insieme stabilimmo una...
Leggi tutto..

BASEOSSERVARE – PERCEPIRE - INTERPRETARE

Bisogna osservare, cioè guardare ed analizzare con attenzione tutto quello che ci passa davanti agli occhi. Non è facile. Non siamo abituati a farlo. E se lo facciamo adoperiamo spesso...
Leggi tutto..

COME NASCE UN CORTOLa scuola e il linguaggio filmico (11) Le riprese, il montaggio grezzo e la revisione on line

Le riprese, il montaggio grezzo e la revisione on line A metà gennaio fummo pronti per le riprese, del resto il nostro piano di lavorazione prevedeva come inizio la data del 21 gennaio...
Leggi tutto..

COME NASCE UN CORTOLa scuola e il linguaggio filmico (13) Valutazione e Risultati

Metodi di insegnamento/apprendimento, risorse/strumenti e procedure Per la decodifica: visione del mediometraggio “Nastro rosa” con breve introduzione per inquadrare la tematica e/o il...
Leggi tutto..

Altri Articoli

Avete la stoffa necessaria per diventare un bravo regista?

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
IL CORTO - BASE

Ovviamente, girando qualcosa e ascoltando le opinioni degli altri; o, in alternativa, guardandosi la video-intervista a James Kicklighter propostaci da No Film School.

Quattro i punti cruciali del video, i quali ci pongono delle domande apparentemente semplici, ma forse più rivelatorie di quanto possiamo credere.

Per te girare film è una cosa a lungo termine o una cosa passeggera?
Nel senso, se state attualmente lavorando su un progetto, sapete già quale sarà poi la vostra opera successiva? E se la vostra risposta è sì, sapete per caso anche in che modo il vostro attuale progetto vi aiuterà nel realizzare il prossimo? La differenza, insomma, è quello tra i registi che girano film per hobby, e chi invece gira per farsi una carriera.

Avete la resistenza per fare un film?
Pianificare, sviluppare, girare, montare, promuovere, pubblicare, etc etc. Fare un film impiega molto tempo, talvolta anni: chi ha poca resistenza sarà per forza di cose espulso fuori. Come spiega giustamente Kicklighter, il lavoro non pone solo una data di scadenza, bensì tantissime e una dietro l'altra. Aggiungiamoci poi, in mezzo, gli ostacoli fisici, emotivi, mentali e materiali.

Avete le capacità per girare in mezzo al caos e per risolvere i guai?
La regola fissa è: tutto va male durante ogni stadio della produzione, e sarà la vostra abilità nel risolvere i problemi a determinare che tipo di cineasta siete. Non bisogna avere solo un piano b, bensì un piano c, d, e, f, z, in quanto basterà un solo ostacolo (un attore che si tira indietro, un file difettoso, un conto bancario a zero) per far affossare l'intero progetto.

Andate a letto arrabbiati?
Una domanda apparentemente senza senso nel contesto, ma in verità importantissima. Essere dei registi, infatti, è come essere in un perenne matrimonio, di quelli stressanti e talvolta deprimenti. Non mancheranno quei giorni in cui penserete che il vostro progetto stia praticamente rovinando la vostra vita, ma la differenza tra un cineasta maturo e un dilettante sta esattamente nell'approccio con cui affronterete le cose: se andate a letto arrabbiati (col vostro film), allora probabilmente il mestiere non fa per voi.

 

di Pierre Hombrebueno da FareFilm.it  

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna