Home Tecnica La Base per i Cortometraggi Dal cinema a casa: differenza di immagine
AVANZATASony Digital Cinema 4K spiega i quattro motivi per cui il 4K è indispensabile

Oggi il 4K è ovunque. Da TV a PC, passando per proiettori home cinema, telecamere e tablet, il mondo si sta convertendo rapidamente all’Ultra HD. Malgrado ciò, in Italia,...
Leggi tutto..

AVANZATASistema di Chroma Key Datavideo

Da Datavideo, ecco un sistema semplice ed economico per realizzare un perfetto Chroma Key. Semplice perchè non richiede grandi spazi; economico perchè non richiede tanta luce aggiunta. Il...
Leggi tutto..

Dal cinema a casa: differenza di immagine

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
TECNICA - BASE

IL FILM DAL CINEMA A CASA: DIFFERENZE D'IMMAGINE

A volte capita che, per la versione in video, i film vengano modificati: si tagliano scene di sesso, violenza, dialoghi eccessivamente offensivi.
Pensiamo alla versione TV de “Il silenzio degli Innocenti” (Jonathan Damme, 1991), contiene ad esempio scene diverse rispetto a quella distribuita al cinema.
Viene utilizzata la Compressione dei Tempi, che accelera impercettibilmente la velocità del film al fine di inserirvi al suo interno spot pubblicitari.
Alcune scene vengono ridoppiate…
Spesso anche film destinati al noleggio di videocassette vengono revisionati; le colonne sonore possono essere sostituite a causa dell’impossibilità di negoziarne i diritti.
Differenze notevoli si notano tuttavia nel formato d’immagine adattata allo schermo televisivo.
Solo in casi rari infatti la versione video rispetta il formato originale disponendo bande nere sopra e sotto l’immagine: si tagliano cioè porzioni dall’immagine originale, spesso sino al 50%.
E’ il tecnico che decide quali porzioni dell’immagine eliminare.
A volte decide di ricavare inquadrature distinte da quella che in origine era una inquadratura unica alterando così la versione originale del film.
Per questa ragione alcuni registi girano già in funzione del formato televisivo, concentrando l’azione importante nell’area che resterà intatta poi per la versione in video.
Ad esempio, James Cameron ha girato il “Titanic” (1997) tenendo conto della distribuzione in videocassetta in modo tale che le scene più intime soffrissero meno delle sequenze più spettacolari.
Da qualche tempo tuttavia, la diffusione dei DVD fornisce allo spettatore sempre più opzioni; e così all’interno dell’inquadratura è possibile visualizzare o meno le bande nere.

Diana Rodi