Home Tecnica La Base per i Cortometraggi La liberatoria
VIDEOCAMERENikon D500: DX al top con video UHD 4K

Praticamente in contemporanea con la nuova D5, Nikon lancia la nuova ammiraglia della gamma di reflex digitali in formato DX, siglata D500. Tre sono le caratteristiche su cui la casa giapponese punta...
Leggi tutto..

SOFTWARE MONTAGGIORiprese tremolanti? Non è più un problema

Una buona notizia per provare a salvare riprese tremolanti. Proposta da proDAD, arriva Mercalli V4 SAL e promette di stabilizzare in post-produzione...
Leggi tutto..

BASELo SplitScreen

SplitScreen, in gergo cinematografico vuol dire letteralmente schermo diviso. Si usa in genere per frazionare in due parti lo schermo e raccontare simultaneamente due cose nello...
Leggi tutto..

VIDEOCAMEREKinefinity: piccole grandi macchine da presa

Kinefinity, azienda con quartiere generale a Pechino, sembra intenzionata a sbarcare prossimamente anche sui principali mercati europei, in particolare con due modelli, siglati...
Leggi tutto..

VIDEOCAMEREFotocamera o Videocamera?

Un'idea per chi viaggia spesso e non può portarsi dietro una borsa di attrezzature, potrebbe essere la nuova Panasonic foto-videocamera digitale LUMIX DMC-TZ100 (che sta per uscire in Italia,...
Leggi tutto..

Altri Articoli

La liberatoria

Valutazione attuale: / 15
ScarsoOttimo 
TECNICA - BASE

La LIBERATORIA - Quando e come usarla

La LIBERATORIA è quel foglio di carta che bisogna far firmare a tutti coloro che in qualche modo prendono parte alla realizzazione del nostro progetto della realizzazione del cortometraggio.
Serve ad avere i diritti per operare con tutto il materiale acquisito durante le varie fasi operative, dalla realizazione della sceneggiatura, alle riprese vere e proprie, incluse le foto e le riprese del backstage.... Senza tali diritti non si può utilizzare il materiale acquisito, ovvero si può usare solo per uso personale, ma non possiamo farlo vedere ad altre persone, non lo possiamo mandare a nessun concorso, non lo possiamo trasmettere in una TV nemmeno locale. E questo vale sia per le immagini, in cui si vedono delle persone che recitano, ma anche non possiamo utilizzarlo se ci siamo avvalsi dell'opera della sceneggeitura di altre persone, come del lavoro di montaggio e postproduzione.

Se, invece, abbiamo fatto firmare la liberatoria, tipo quella che trovate nel sito sia sotto forma di documento word che pdf, a tutti coloro che in qualche modo ci hanno aiutato, siamo liberi di presentare dovunque la nostra opera.

Attenzione anche all'uso di eventuali bambini: in tal caso è necessaria avere la firma di almeno uno dei due genitori.

Eccone un esempio da utilizzare:

 

LIBERATORIA

 

 

Registrazioni video effettuate dal giorno …../……../….. al …../……../….. relative alla produzione del CORTOMETRAGGIO dal titolo: “ …………………………….…………..”.

 
A seguito delle intese intercorse, io sottoscritto/a ………………………………………………….……..

nato/a a ……………………………. e residente a ………………………………………………....…….

in Via …………………………………………………..………… telefono ………………..……………

AUTORIZZO il produttore/regista ………………………..……….. o i suoi avente causa ad utilizzare la registrazione effettuata a mezzo telecamera della mia immagine e del mio intervento, anche se del caso mediante riduzioni od adattamenti;

 
AUTORIZZO la pubblicazione, la distribuzione e la messa in onda sulle televisioni pubbliche e private, su internet e nelle sale cinematografiche ed in ogni altro possibile e nuovo mezzo di comunicazione tramite pellicola, nastro, e supporti digitali e non, presenti e futuri.

 
Per la realizzazione di quanto sopra indicato, presto il mio consenso a rendere le mie prestazioni artistiche senza ricevere alcun corrispettivo.

 
Con i migliori saluti

 

……………………… lì ……/………/……

 

Firma ………………………………………………….

 

N.B.: In caso di prestazione di minore, occorre anche la firma di almeno uno dei due genitori.