Home Tecnica La Base per i Cortometraggi Quale è la regola dei 180 gradi nel cinema?
AVANZATASony Digital Cinema 4K spiega i quattro motivi per cui il 4K è indispensabile

Oggi il 4K è ovunque. Da TV a PC, passando per proiettori home cinema, telecamere e tablet, il mondo si sta convertendo rapidamente all’Ultra HD. Malgrado ciò, in Italia,...
Leggi tutto..

AVANZATASistema di Chroma Key Datavideo

Da Datavideo, ecco un sistema semplice ed economico per realizzare un perfetto Chroma Key. Semplice perchè non richiede grandi spazi; economico perchè non richiede tanta luce aggiunta. Il...
Leggi tutto..

Quale è la regola dei 180 gradi nel cinema?

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
TECNICA - BASE

 

Se sei un regista di qualsiasi tipo, devi conoscere le regole della produzione cinematografica e video. Comprendere queste regole ti dà il controllo sulle tue immagini. Una delle regole più importanti da conoscere è la regola dei 180 gradi. Abbiamo messo insieme una guida che ti insegnerà come seguire la regola dei 180 gradi, oltre a infrangerla e piegarla in modo da poter attraversare tale linea immaginaria con sicurezza.

1. Che cos'è la regola di 180 gradi?
Una delle prime cose insegnate nella scuola di cinema è la linea dei 180 gradi. È un utile punto di partenza da conoscere per qualsiasi tipo di produzione video perché ti introduce a una regola pratica del cinema e ti invita a pensare visivamente.

La regola dei 180 gradi è una linea guida per le relazioni spaziali tra due personaggi sullo schermo. La regola 180 imposta un asse immaginario, o linea dell'occhio, tra due personaggi o tra un personaggio e un oggetto. Mantenendo la telecamera su un lato di questo asse immaginario, i personaggi mantengono la stessa relazione sinistra / destra tra loro, mantenendo lo spazio della scena ordinato e facile da seguire.

Quando la telecamera salta sull'asse invisibile, questo è noto come attraversare la linea o spezzarla, e può produrre un effetto disorientante e di distrazione su uno spettatore.

2. Come seguire la regola dei 180 gradi
La regola stabilisce che una volta stabilita la linea, è necessario decidere da quale lato della linea posizionare ogni successiva configurazione della videocamera. In breve, è necessario mantenere la fotocamera sullo stesso lato della linea. Altrimenti, hai superato il limite.

La sfida (Heat) è un film del 1995 scritto e diretto da Michael Mann con Al Pacino e Robert De Niro.
Ecco una scena del ristorante che mette in pratica perfettamente la linea 180. La linea di 180 gradi attraversa il tavolo attraverso Pacino fino a De Niro. Guarda il video, ma presta attenzione alla loro vista:
Pacino guarda a destra.
De Niro guarda a sinistra.

Questo viene fatto in modo che lo spettatore possa mantenere un senso di orientamento durante la scena.

Alcuni film e registi hanno scelto di mantenere una linea coerente per tutto il film. Questo livello di coerenza è fantastico e quei film traggono sicuramente beneficio da una spietata attenzione ai dettagli, ma non è necessario per ogni storia.

Ci sono momenti in cui puoi trarre vantaggio dall'infrangere o rompere la regola di 180 gradi, mentre gli attori sono al top dell'interpretazione, la sensazione che genera tale interruzione di linea dovrebbe essere una tua decisione.
In caso contrario, potresti sprecare la tua energia cinematografica.

3. Gestire le scene con più linee dell'occhio
Se ti ritrovi a girare una scena con un gruppo di personaggi, aiutati a pensare al tuo set come se fosse una rappresentazione teatrale, con la cinepresa posizionata tra il pubblico.
La stessa linea che separa lo spettatore dagli artisti è la stessa linea che userai per mantenere una direzione dello schermo costante.

Puoi superare questa linea e tentare di stabilire linee individuali tra ciascun personaggio, ma ogni volta che lo fai amplifichi il grado di difficoltà a mantenere un orientamento coerente in tutta la scena.

Articolo di Sc Lannom da studiobinder.com

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna