Home Tecnica La Base per i Cortometraggi Se una legge impedisce le sparatorie nei film. E in Italia si fermano i set
AVANZATAPudovkin. Il montaggio come creazione artistica

Tra i primi registi a comprendere le potenzialità espressive e artistiche del montaggio vi è sicuramente il russo Vsevolod Pudovkin. Fondamentale in questo senso è l’esperimento da lui condotto...
Leggi tutto..

VIDEOCAMEREFotoVideocamera mirrorless LUMIX DC-GH5

La nuova fotocamera mirrorles Lumix GH5 colpisce nel segno con il suo sensore Mos digital live che vanta una risoluzione di ben 20,3 Megapixel e garantisce la massima qualità nelle...
Leggi tutto..

VIDEOCAMEREPanasonic HD HC-V160

Quanto bisogna spendere per conprare una videocamera per girare un vostro primo cortometraggio? 200 euro per iniziare vi sembrano troppi? Prendiamo ad esempio la Panasonic HD...
Leggi tutto..

BASEConsigli per aspiranti registi con poco budget

Eccoci nuovamente coi nostri consueti consigli per aspiranti e giovani film-maker in erba (e con poco budget a disposizione), stavolta suggeriti dal sito Premium Beat, articolo...
Leggi tutto..

AVANZATAQuali sono le pellicole meglio fotografate della storia del cinema?

Un'ottima fotografia non sarà tutto, ma di certo, è molto. Ne sanno qualcosa degli artisti come Vittorio Storaro ed Emmanuel Lubezki,...
Leggi tutto..

Altri Articoli

Se una legge impedisce le sparatorie nei film. E in Italia si fermano i set

Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
TECNICA - BASE

Le armi ad uso scenico - Venerdì scorso, in un comunicato congiunto, Anica, associazione nazionale delle industrie cinematografiche; e Apt, associazione dei produttori televisivi, hanno diramato un comunicato molto allarmato: «A partire da oggi ogni fornitura di armi ad uso scenico si ferma, e con essa si fermano tutti i set cinematografici e di fiction d’azione. Le perdite economiche si annunciano ingenti. Tutto ciò a causa della Legge che regolamenta la detenzione e l’uso delle armi a uso scenico». Una legge che una commissione ha cambiato con «norme tecnicamente opinabili, oggettivamente inapplicabili». Una situazione tipicamente italiana.

Spiega infatti Valsecchi a cui chiediamo di spiegarci come funzionano le sparatorie sui set. Le armi sono vere o finte? «Come accade in tutta Europa si spara con armi vere, modificate ovviamente. Le stesse fabbriche d’armi applicavano le modifiche necessarie affinché le pallottole non potessero uscire dalla canna. E certificavano che la pistola sparava a salve. Da qualche tempo una commissione del Ministero degli Interni stava lavorando per cambiare le cose. Che sono appunto cambiate da venerdì. Ma secondo le armerie queste nuove modifiche non vanno bene e dunque le armi non possono essere certificate. Da qui il blocco totale». Domanda ingenua: perché non usare pistole giocattolo? «Perché si vedrebbe. È una questione anche di peso, del rapporto che l’attore/gangster/killer instaura in quel momento con l’arma. Con il giocattolo non si crea». Se non fosse che di mezzo ci sono posti di lavoro che potrebbero saltare, ci sarebbe da ridere. In America i ragazzini sparano nei licei e noi non possiamo più fare dei bei polizieschi.  Conclude amaro Valsecchi: «Spero davvero che ci si incontri e che il problema venga risolto. La Taodue (società di produzione di Valsecchi, ndr) dà lavoro a 15mila persone all’anno. E io voglio continuare a produrre e mantenere l’industria qui, in Italia. Ma se non mi mettono più nelle condizioni di girare un film d’azione che devo fare?».  (di Maria Volpe per corriere.it)