Binomi al cinema. Analisi di alcuni film che mostrano la relazione cane-proprietario (parte 2) PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
I GRANDI FILM - ANALISI dei FILM

hachiko 800-267x300

Hachiko – Il tuo migliore amico è un film del 2009 diretto da Lasse Hallström, interpretato da Richard Gere, basato sulla storia del cane giapponese Hachikō e sul film giapponese del 1987 Hachikō Monogatari. Quella di Hachiko, cane di razza Akita Inu, è una storia vera. Egli era solito accompagnare il suo padrone, un professore universitario di nome Hidesaburo Uero alla stazione ferroviaria di Shibuya ogni giorno. Ogni sera, puntualmente, tornava alla stazione per aspettarne il ritorno. Quando Uero morì sul posto di lavoro, Hachiko continuò a recarsi alla stazione per circa dieci anni. Il cane morì poi a tredici anni. Questa è una storia di incomparabile fedeltà e grande intesa fra cane e proprietario. Il film riesce a incentrare tutta la sceneggiatura sul rapporto fra Uero e Hachiko lasciando tutti gli altri personaggi sullo sfondo. Bellissima la trasformazione del serio professore davanti alla figura di un cucciolo, vederlo a quattro zampe che cerca di insegnare al cucciolo a prendere e riportare la palla, senza grandi risultati. Dietro alla retorica della fedeltà si crea un rituale molto forte che porta Hachiko nel film a non accettare passivamente le situazioni di adozione successive alla morte di Uero, per scappare e tornare alla stazione invano ad aspettare l’arrivo del suo proprietario. I silenzi, le foglie dell’autunno che cadono, lo sguardo fiero e paziente dell’Akita, riescono a scrollare l’hollywoodiana pretesa dal film e creare atmosfere possibilmente nipponiche.

Un cane non se ne fa niente di macchine costose, case grandi o vestiti firmati… Un bastone marcio per lui è sufficiente. A un cane non importa se sei ricco o povero, brillante o imbranato, intelligente o stupido… Se gli dai il tuo cuore, lui ti darà il suo. Di quante persone si può dire lo stesso? Quante persone possono farti sentire unico, puro, speciale? Quante persone possono farti sentire… straordinario? (John Grogan, Io e Marley, Sperling & Kupfer editori, 2006)


marleyandme 900-300x169Io e Marley, David Frankel, 2008
E così Marley, il Labrador Retriever del film Io e Marley, uscito nel 2008, girato da David Frankel, dall’omonimo romanzo di John Grogan, ci insegna che un cane riesce nel suo essere completamente inadattabile e “ineducabile” ad essere il miglior compagno di vita che un’intera famiglia può avere. Marley combina un disastro dopo l’altro, mettendo anche in crisi il rapporto fra i coniugi ad un certo punto del film, sconvolgendo piacevolmente la loro vita. Il film leggero e divertente prende una piega triste e malinconica nel momento in cui Marley, diventato ormai anziano, dopo varie torsioni gastriche non cammina più e risulta necessario pensare all’operazione di soppressione. John il proprietario lo accompagna in quei momenti delicati e toccanti, ricordando che non è mai stato “perfetto” se per perfezione si intende un cane educato, ma è stato il cane migliore del mondo per loro.
Nell’apparente semplicità di un film per famiglie, Io e Marley risulta interessante proprio per questo aspetto di semplice accettazione del cane, senza pretesa di “modificare” il suo carattere anarchico ed esuberante (salvo una scena esilarante in cui un’addestratrice, tutt’altro che cognitiva cerca di mettere in riga Marley durante una lezione di condotta di gruppo, venendo poi strascinata a terra dallo stesso).


belle-e-sebastien 600-300x200Belle & Sébastien, Nicolas Vanier, 2013
Belle & Sébastien è un film del 2013 diretto da Nicolas Vanier, che descrive il rapporto fra un bambino orfano di otto anni, Sébastien, e una femmina di cane da montagna dei Pirenei, Belle, ricercata da tutto il villaggio perché ritenuta pericolosa per la sicurezza della vita umana e delle pecore appartenenti ai pastori. Belle per questo sarà costretta a vivere esperienze di paura e inseguimento da parte delle autorità e dei nazisti. La cagnona è conosciuta da tutti come “la bestia” e sarà proprio Sébastien a difenderla nelle situazioni più avverse e lei ad occuparsi del bambino con la più grande delicatezza e devozione possibile. Interessante come nel film venga analizzato il rapporto cane-bambino in un contesto naturale, dove i silenzi e le distanze giocano un ruolo indispensabile per l’equilibrio di entrambi che spalleggiandosi e proteggendosi riescono a sopravvivere alla realtà fatta di persecuzioni, pregiudizi e verità scoperte.

I film da me, purtroppo per mancanza di spazio, superficialmente analizzati sono soltanto alcune delle moltissime produzioni cinematografiche che coinvolgono i cani nella sceneggiatura e nella vita dell’uomo come protagonisti, amici, guide, esempi di fedeltà o semplici spalle nella vita degli umani. Ho scelto questi tre film perché nella ricerca di trame che maggiormente mostrassero un rapporto di binomio fra un umano e un cane. Difficile fare un’analisi approfondita senza cadere in tecnicismi e senza dilungarsi oltremisura.

Spero intanto che questo articolo possa aver dato modo ad alcuni di voi di conoscere produzioni non ancora viste e capirne, in alcuni casi, gli aspetti più interessanti.

 di Stephania Giacobone per www.siua.it

(Link alla prima parte dell'articolo)

stephania-giacoboneL’autrice: Stephania Giacobone
Nasce nel 1987 a Ginevra. Passa i primi anni della sua vita a Courmayeur, Valle d’Aosta con i suoi primi due cani: Holly, un barboncino e Maurice, un boxer. Dopo gli studi universitari umanistici e teatrali a Torino e un master biennale di scrittura alla Scuola Holden, torna a vivere in Valle d’Aosta, con il suo cane, un Amstaff di nome Yannick. Inizia a collaborare a tempo pieno con Laurent Pellu nel loro Centro Cinofilo Yagolandia dal settembre 2014. Frequenta il Corso per Operatori di Zooantropologia Didattica SIUA. A febbraio 2017 entra a far parte della sua vita il suo secondo cane, Maya, una meticcia mix Amstaff/Cane Corso. Conclude il Corso Educatori Cinofili SIUA nel novembre 2016 e un anno dopo inizia il Corso Istruttori Cinofili SIUA. Quotidianamente divide il tempo fra le sue due passioni/lavori: la cinofilia e la scrittura.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna