Un sogno divenuto realtà: come da registi di Corti si arriva a dirigere un lungometraggio con John Savage

Savage Cristian ScardignoQuesta è l'intervista fatta a Cristian Scardigno, un ragazzo con tanti sogni nel cassetto che è riuscito a dirigere un film in Italia. La prima naturale domanda è stata: Come ti è nato l'amore per il Cinema?
Non saprei identificare questa “nascita” con un giorno o un momento preciso della mia vita. Ricordo un periodo dell’adolescenza in cui vedevo film a ripetizione. Entravo e uscivo dalle videoteche, soprattutto d’estate. Divoravo qualsiasi cosa, specialmente il cinema americano degli anni ’80 e ’90. Quello probabilmente è stato l’inizio di tutto. Allo stesso tempo mi piaceva cimentarmi con la scrittura, non con racconti o poesie, ma solamente con storie che potevano essere visualizzate su uno schermo. Credo di aver fatto i primi tentativi cercando di scrivere nuovi episodi di serie televisive già famose. E’ a quel punto che ho cominciato a pensare che dietro ad un film c’erano delle persone che lavoravano duramente. Con l’università ho deciso definitivamente che questa doveva essere la mia strada.

 
Cannes 2017, oltre 70 i cortometraggi italiani: al festival anche tanti studenti

Stanno ancora studiando ma i loro lavori sono stati selezionati nella categoria Short Film Corner del più importante festival cinematografico. È il successo di molti giovani italiani, come i tre ragazzi della Rome University of Fine Arts: Girolamo Capuano, Giulia Tivelli e Beatrice Baldacci.  Il cortometraggio sarà il protagonista italiano di questo settantesimo festival di Cannes. In un’edizione senza film made in Italy in corsa per la Palma d’Oro - anche se Fortunata di Sergio Castellitto e Après la guerre di Annarita Zambrano ci rappresentano in Un Certain Regard - sono stati selezionati oltre settanta corti di produzione italiana.

 
Il documentario di Bellocchio e Gualazzini "Mwavita, nata in tempo di guerra" ha vinto il premio tra i corti stranieri

Gli occhi della guerra"Gli Occhi della Guerra" sbarcano in America. "Mwavita, nata in tempo di guerra" ha infatti vinto gli Hollywood International Independent Documentary Awards come miglior documentario straniero nella categoria corti.  Il reportage, realizzato da Daniele Bellocchio e Marco Gualazzini grazie al finanziamento del Rotary Club Distretto 2050, racconta la tragedia delle violenze sessuali che ogni anno si verificano in Congo. In questo Paese, infatti, lo stupro viene utilizzato come un vero e proprio strumento di guerra da parte dei gruppi armati e affonda le sue radici nella lunga storia di sfruttamento, conflitti e povertà che ha segnato indelebilmente questa terra. Ma nel documentario non c'è solamente la sofferenza delle donne. C'è anche la comprensione del dolore da parte dei reporter: "Speriamo che questo riconoscimento serva a dare maggior attenzione alla tragedia degli stupri in Congo. Un orrore che necessita sempre più di essere raccontato. Il dramma si nutre del silenzio". Mwavita è anche finalista ai premi italiani "Capodarco l'altro festival, voci e immagini per il sociale e l'ambiente", al premio "Luchetta" e all'"Étranger Film Festival".

 
Canon XC10 4K Video Camera semiprofessionale ad ottimo prezzo

La Canon XC10, la videocamera 4K compatta e leggera di qualità professionale dedicata ad aspiranti registi e appassionati, ma anche ideale come soluzione stand-alone compatta per videomaker indipendenti, oltre a rappresentare un perfetto complemento nelle produzioni più impegnative. XC10 ereditando molte caratteristiche presenti nella gamma Cinema EOS, offre un’incredibile versatilità di registrazione.

 
Ischia Film Festival: l'isola felice del Cinema

Anche quest'anno si rinnova l'appuntamento con l'Ischia Film Festival, che al compimento del terzo lustro presenta alcune novità. La prima è nota già da qualche mese, ovvero l'affiancamento alla direzione artistica da parte del critico e giornalista cinematografico Boris Sollazzo al fondatore della manifestazione, Michelangelo Messina. Già da anni collaboratore del festival, Sollazzo divide quindi con lo storico direttore l'onore e l'onere di selezionare le opere e gli ospiti che arricchiranno la quindicesima edizione del festival.

 
Il montaggio di genere di Tarantino in Django Unchained

Tarantino in Django Unchained"Django Unchained" di Tarantino è stato un lavoro immenso. Ampio cast, una storia lunga, moltissime location e atmosfere. L’arduo lavoro di assemblare tutto questo è toccato a Fred Raskin, montatore che al fianco di Tarantino ha sintetizzato questa epopea di vendetta in 2 ore e 45 di film, mettendo da parte altre due ore aggiuntive di film.  Dopo aver lavorato sui primi 3 Fast & the Furious, e fatto da assistente alla storica montatrice di Tarantino Sally Menke, scomparsa nel 2010, Raskin ha preso il comando del team di montaggio dello spaghetti western-blackexploitation di Tarantino.  Come fare un montaggio di genere? Stando alle interviste on line, il lavoro al montaggio è cominciato durante le riprese, e in totale solitudine. Questo perché Tarantino ama restare concentrato completamente nella produzione.

 
“Una casa per Tommy e gli altri”. Ecco perché ho girato questo film

Tommy e gli altri  lastampa

Tommy e gli altri, il primo film italiano sul tema dell’autismo che Sky ha trasmesso il 2 aprile in occasione della Giornata mondiale della consapevolezza sull’Autismo, perché ritiene che sia importante raccontare storie come queste, che non riguardano “gli altri”, ma il nostro modo di essere comunità. Il progetto nasce da un’idea di Gianluca Nicoletti ed è diretto da Massimiliano Sbrolla (regista de Il viaggio di Sammy). Nicoletti compie insieme al figlio Tommy, ragazzo autistico da poco divenuto maggiorenne, un lungo viaggio attraverso l’Italia, da Forlimpopoli a Trento e Madonna di Campiglio, da L’Aquila a Napoli, passando per Gravina di Puglia, Botricello e Praia a mare, per incontrare “gli amici di Tommy”, ragazze e ragazzi autistici e i loro genitori. Attraverso le immagini e le parole dei giovani e delle loro famiglie, Tommy e gli altri porta alla luce storie di isolamento, di integrazione difficile se non impossibile. Protagonisti sono “gli altri”, ovvero quegli autistici adulti ai quali, proprio come a Tommy, non viene più riconosciuto il diritto a una vita sociale. C’è chi ancora vive in casa con i genitori, ma prima o poi sarà destinato a essere considerato solo una retta pagata dallo Stato, da chi ha nel mantenimento in vita di queste persone il suo business, in strutture che tanto ricordano i più detestabili luoghi di segregazione del passato.

 
Quentin Tarantino: "Adoro il passato e non resisto al vintage"

Tarantino e LeitzLo schermo su cui il regista ha iniziato a vedere i film era quello piccolo, di casa. "Il mio patrigno mi chiamava, mi faceva vedere i classici, mi raccontava chi era ciascun attore e quali altri film aveva fatto. Avevo cinque, sei anni. Allora pensavo che diventare adulti significasse dover sapere tutto di pellicole e attori. Solo dopo ho capito che non tutti gli adulti erano esperti". Se in casa si vedeva Hitchcock e film di genere "mia madre aveva altri gusti: il primo film in sala con lei è stato Ma papà ti manda sola? Quando erano insieme si andava al cinema a vedere Airport. Nel 1971 furono candidati all'Oscar cinque film: Airport, Cinque pezzi facili, Love story, Patton il generale d'acciaio, MASH. Li avevo visti tutti in sala, avevo otto anni". L'invenzione che ha rivoluzionato la vita del giovane Quentin è stata quella del VHS.

 
Musica nel film: Quentin Tarantino parla dell'importante rapporto tra immagini e suoni

Quentin Tarantino ed Ennio MorriconeCome scegliere le migliori musiche per un film? Quentin Tarantino è uno dei registi più raffinati nella scelta del soundtrack come ci ricorda questo breve video saggio.  Come scegliere le migliori musiche per un film? Quentin Tarantino è uno dei registi più raffinati nella scelta del soundtrack come ci ricorda questo breve video saggio laddove è capace di spaziare dal genere hip hop alla musica classica. La storia del cinema è passata anche attraverso quegli autori che si opponevano al suono per difendere il primato delle immagini. Una storia vecchia, ma che fa sempre bene ricordare quando si tratta di associare musica ed immagini. Non sempre affidarsi a un musicista può dare il risultato voluto.  Per questo Tarantino è stato molto attento alla scelta dei brani musicali che dovevano "accompagnare" le scene più memorabili nela sua filmografia. Come al solito non basta accompagnare, occore quel virtuoso contrasto tra immagine e suoni da cui possa derivare un immaginesuono unica ed originale.

 
Scade 2017-06-20 PIOBBICO Int. Short Film Festival

ll comune di Piobbico (provincia di Pesaro e Urbino, regione Marche), in collaborazione con l’associazione culturale “ILCORTO.it”, indice il seguente Festival internazionale per promuovere e valorizzare il mondo dei cortometraggi. Il concorso si articola in due sezioni:"TEMA LIBERO" : per cortometraggi italiani e stranieri di ogni genere con durata massima di 30 minuti; “IL SOCIALE ”: nella sua più ampia accettazione e nella valorizzazione delle diversità, per corti italiani e stranieri di ogni genere con durata massima di 30 minuti. L’iscrizione al “PIOBBICO International Short Film Festival 2017” è gratuita ed ogni autore potrà inviare più opere, con durata massima di 30 minuti (titoli di testa e coda inclusi). La scadenza di invio delle opere è fissata per martedì 20 giugno 2017. Le proiezioni dei migliori corti arrivati, con relativa premiazione, sarà effettuata nei giorni di venerdì 7 e sabato 8 luglio 2017

 
Regista a 10 anni, così Gioele Callegari ha riadattato la saga di Star Wars in un corto

The young Jedi  300Si ispira a registi del calibro di George Lucas e Ridley Scott, ha presentato in anteprima al Festival del fumetto di Piacenza il trailer del primo cortometraggio della sua carriera – in mezzo a gente del mestiere da anni – nel quale ha riadattato la saga di Star Wars a una storia da lui ideata, e ha già in mente un supereroe tutto nuovo per la prossima pellicola. Fin qui sembra il profilo di uno dei molti giovani che cercano di farsi strada nel mondo del cinema. Il dettaglio che spiazza, però, è contenuto nella sua carta d’identità: Gioele Callegari è nato il 20 settembre del 2006. Ma a soli 10 anni e qualche mese il “ragazzo” sembra avere le idee chiare: “Non ho fatto questo film per soldi ma per imparare. Un giorno vorrei diventare un regista e arrivare a Hollywood”. Il percorso è ancora lungo. Certo è che i margini di miglioramento per chi si dimostra così precoce sembrano davvero molto ampi. Il lavoro in questione si intitola “The young Jedi” e parla di un bambino disabile che si ritrova nel bel mezzo di ingegnose peripezie in pieno stile Guerre Stellari. La trama è nata da una immagine ben precisa: “Un giorno, mentre ero in campeggio, ho visto un piccolo al quale mancava una parte del corpo e ho deciso di renderlo il protagonista. Questo bambino, mentre si trova a casa, ascolta la storia raccontata dal padre e immagina come lui stesso potrebbe vivere un’avventura da Jedi”.

 
Registi, ecco come raggiungere i vostri obiettivi

Set x obiettivi filmmaking 300Lo so che non ci credete, ma alle volte è meglio avere poche idee ma buone: anzi è meglio se riduciamo al minimo i nostri obiettivi. Ma è davvero possibile? Innanzi tutto dobbiamo amare questo mestiere, pensare che fare film è la cosa più eccitante e divertente ed al contempo è sempre una grande sfida. Specialmente ora, quando la produzione e distribuzione dei film è diventata poco costosa.  Quando riuscite a fare un film, la cosa più bella è anche vedere nei titoli di testa il vostro nome. Ma, di sicuro, non c'è solo questo. E soprattutto è indispensabile che abbiate le idee chiare sul vostro futuro. Quali obiettivi raggiungere?

 
Peter Greenaway, regista e artista

Compie oggi 75 anni e ha detto che per fare film servirebbe prima studiare arte per tre anni e che, tra l'altro, «il cinema non è un mezzo adatto alla narrazione». Il suo primo cortometraggio – Death of Sentiment, del 1962 – è stato girato in quattro cimiteri di Londra. Il primo lungometraggio l’ha diretto negli anni Ottanta, dopo aver studiato, dipinto, scritto e lavorato come montatore e regista di cortometraggi (suoi) o documentari (di altri).

 
Il Cinema. Cosa non è

Cosa e il CinemaSe vogliamo affrontare il mondo del cinema, sia esso lungo che breve, dobbiamo inizialmente porci una semplice domanda. Cos'è il Cinema? Semplice domanda ma con una risposta variamente articolata.  Stabilire quale sia la natura specifica del cinema è stato un problema affrontato pressochè da tutti, prima o poi. Ed ogni volta si sono avute risposte diverse che spesso non ci hanno dato in forma univoca la natura specifica di questa arte.  Noi cerchiamo oggi di dare un risposta, invece, affrontando la domanda in senso contrario: Cosa non è il cinema?  Quali sono i prodotti artistici che si pongono in relazione al cinema? Poesia, racconto, romanzo, quadro, fotografia, scultura, musica, teatro. Analizziamoli.

 
Ecco il 10° Palena Film Festival

Palena FF logoIl Palena Film Festival è arrivato alla sua decima edizione. Il festival è una competizione di quattro giorni che si svolgerà a Palena (CH) dal 7 al 10 agosto 2017. Fondato nel 2008 dall’Associazione Culturale Palenese e riconosciuto come uno dei più importanti festival di cortometraggi, il Palena Film Festival ha ricevuto oltre 8500 cortometraggi, animazioni e video musicali da oltre 125 nazioni di tutti i cinque continenti nel corso degli anni nelle passate 9 edizioni. Sono accettati cortometraggi, animazioni e video musicalidi ogni genere. Presidente di giuria è l'attore, regista e sceneggiatore americano Randall Paul.

 
Cosa scrivere e cosa non scrivere in una sceneggiatura

Ci hanno inviato una sceneggiatura da leggere. Scrivere una sceneggiatura non è facile e semplice. Non ci si può improvvisare sceneggiatori: bisogna aver prima studiato le basi e poi aver letto ed analizzato molte sceneggiature e provato anche a scriverne altre partendo dalle nostre idee o da spunti che ci troviamo intorno ogni giorno.

 
Concorso Gran Premio “ilCORTO.it FESTA INTERNAZIONALE di ROMA 2017”

IlCorto2017 03 BICICLETTA-350L'Associazione Culturale senza scopo di lucro “ilCORTO.it” organizza la nuova edizione del Concorso Gran Premio “ ilCORTO.it FESTA INTERNAZIONALE di ROMA 2017 ” rivolto ai Registi e Filmaker italiani e stranieri, agli Istituti scolastici, Università, Associazioni e Società che hanno prodotto cortometraggi.
Nell'intento di valorizzare, promuovere e divulgare il Cortometraggio come forma espressiva particolarmente valida ed attuale a livello sociale e culturale; per sviluppare le potenzialità dei linguaggi artistici dei nuovi media; per rispondere alle esigenze di crescita culturale dei giovani Registi emergenti che continuano a stupirci con le loro capacità creative e per dare a tutti i Registi e Filmaker di talento la maggiore visibilità possibile, anche questa edizione non sarà solo un Concorso ma anche una Festa.
Infatti proseguendo la nostra politica di dare la maggiore visibilità possibile ai cortometraggi arrivati, una giuria tecnica li selezionerà per vari eventi e proiezioni durante l’anno 2017, tra cui anche l’evento “Cortometraggi - Festa Internazionale di Roma 2017”, che si svolgerà a Roma nell’ultima settimana di ottobre 2017, dove sarà effettuata la proiezione del maggior numero possibile dei cortometraggi arrivati fino a metà ottobre.

- L'iscrizione è gratuita e la data di scadenza per l’invio dei corti per la premiazione finale è mercoledì 1 NOVEMBRE 2017.
- Sono previste tre sezioni: 1°) TEMA LIBERO; 2°) Tema: "GLI ALTRI"; 3°) Tema: "LAVORO SICURO"
- Ogni cortometraggio deve avere durata massima di 75 minuti, inclusi i titoli di testa e di coda.

 
Come Farsi Venire delle Buone Idee per un Corto (4)

I primi cortometraggi realizzati non dovrebbero avere una durata superiore ai 10/20 minuti. Girare un film è estremamente difficile, di qualunque lunghezza sia. Fai in modo che il corto sia il più breve possibile, soprattutto se sei agli inizi. Girare un cortometraggio di alta qualità, carico di tensione, drammatico e avvincente dalla durata di 3 minuti è una vera e propria impresa. Prima di poter produrre un capolavoro di genere gangster dalla durata di 45 minuti con una sparatoria al rallentatore, impara a girare buoni cortometraggi. Guarda dei cortometraggi. Prima di entrare nel mondo del cinema, devi vedere numerosi film e corti. 

 
Tutto sui microfoni

MicrofoniPerchè correggere dopo la qualità del video, quando potremmo arrivare in fase di montaggio con un buon audio? Molto spesso ci preoccupiamo di avere una buona od ottima videocamera, ne studiamo tutte le caratteristiche tecniche, come la ripresa in 4K, ma non teniamo in troppo conto il reparto audio. O forse avete intenzione di girare un film muto? Oltre che per gli occhi, il cinema, lungo o breve che sia, è fatto anche per le nostre orecchie.

 
Ricordando LUCIO FULCI regista, sceneggiatore, paroliere, scrittore

LUCIO FULCI 2Moriva ventuno anni fa a Roma il 13 marzo Lucio Fulci paroliere, scrittore, regista, sceneggiatore, attore e produttore italiano, uno dei più grandi e versatili del cinema di genere. I suoi film, spesso prodotti con budget limitati, sono dei veri e propri cult che hanno segnato la storia del cinema mondiale, grazie al suo stile inconfondibile incentrato sullo stravolgimento dei profili classici dei generi cinematografici che provoca e sciocca gli spettatori. Spesso è stato omaggiato nel cinema, nella musica e nei fumetti.

 
"La Banda Grossi" inizia le riprese nelle Marche grazie al Crowdfunding

Banda-Grossi-film-crowdfunding-su-kickstarter 400Una storia vera quasi dimenticata, vicende tramandate oralmente per generazioni sullo sfondo di una terra difficile, le Marche, e che hanno tutti i connotati epici e romantici per poter intrattenere il grande pubblico internazionale. Un’emblematica banda di briganti che nel 1860 mise a ferro e fuoco la provincia di Pesaro e Urbino con omicidi, grassazioni, violenze e furti d’ogni tipo, guidata da un capobanda fiero e irriverente, uno che ha alzato la testa in un momento in cui tutti tacevano.”
E’ l’incipit della campagna di crowdfunding lanciata con successo la scorsa estate su Kickstarter dal regista Claudio Ripalti, che ha raccolto 72 mila euro in un mese. (qui il trailer del film)

 
Casting: L'uomo che sapeva volare con i piedi per terra

UOMO CHE SAPEVA VOLARE 300Cercasi per cortometraggio: Attore età scenica 30-35 anni, di carnagione scura, con capelli lunghi ed orecchino, bel ragazzo che deve interpretare un ruolo per telenovelas. Attrice età 25/30 anni bella ragazza spigliata e dinamica. Attore di età scenica oltre 60 anni e di carnagione scura. Attrice di età scenica circa 50 anni. Il casting si terrà a Roma (in zona Magliana) in data 29 marzo 2017 dalle ore 8 della mattina.

 
Gli errori che un aspirante regista non dovrebbe mai fare

You Tube passionAvete realizzato un film e nessuno vi ha filati di striscio? Avete proiettato la vostra pellicola in qualche festival e tutto ciò che avete avuto è stato solo qualche sbadiglio? Ecco alcuni errori che potreste aver fatto secondo il grande produttore Dean Silvers: LA VOSTRA STORIA NON È INTERESSANTE! Ogni anno vediamo sempre le medesime storie: famiglie disfunzionali, difficoltà sentimentali, coming of age con tizio che lascia la piccola provincia per la grande città, etc etc. Non che siano necessariamente brutte idee, ma sono state già realizzate infinite volte. Questi film funzionano per via dei soldi delle major e la partecipazione di attori famosi, ma voi non avete né l'uno né l'altro. Quindi, impegnatevi tantissimo per escogitare una storia originale e intrigante!

 
Scade 2017-04-15 Vieni in Sardegna con la tua troupe gratis per Figari FF Movie Contest

Vieni in Sardegna con la tua troupe gratis. Realizza il tuo film in 5 giorni e proiettalo nella serata di chiusura del festival. Il Figari Film Fest inviterà 3 registi stranieri e 3 registi italiani con la loro troupe in Sardegna per girare un film di massimo 8 minuti.

 
Arriva in Italia Planet Earth II, il documentario naturalista più bello del mondo

Planet Earth II documentarioIn Gran Bretagna quest’autunno è stato visto da 29 milioni e 700 mila persone, la metà circa della popolazione: si chiama «Planet Earth II», è il seguito della leggendaria serie tv prodotta dieci anni fa dalla Bbc e firmata da sir David Attenborough e arriva su Retequattro dal 23 marzo. Sei ore circa di televisione divise in tre serate speciali, e dentro c’è un pezzo prezioso d’Italia:

 
SIAE: diritti d’autore: sconti ed esenzioni

SIAEEntro i prossimi tre mesi arriveranno riduzioni ed esenzioni dal pagamento dei diritti d’autore per alcune tipologie di eventi, come ad esempio gli spettacoli dal vivo con meno di 100 spettatori. O come le rappresentazioni di opere di esordienti under 35, quando questi ultimi siano titolari per intero dei relativi diritti d’autore. A disciplinare (e anche ad estendere) le tipologie di eventi e ricorrenze particolari, a cui si applicheranno sconti ed esoneri, sarà un prossimo decreto del ministero dei beni culturali e del turismo.

 
IL COLPO DI SCENA: io non sono chi credevi che fossi

Costruire e presentare una soluzione di continuità, in una buona sceneggiatura, significa introdurre un colpo di scena in grado di segnare la fine di qualcosa e l’inizio di qualcosa d’altro.  Sì, d’accordo, ma la fine di cosa esattamente?  Se il colpo di scena del primo atto si trova, più o meno, venti minuti dopo l’inizio del film, come può segnare la fine di qualcosa? Niente è ancora realmente iniziato, e dunque, come può esserci già una fine?

 
Pinnacle Studio 20 un semplice software di montaggio video

Pinnacle Studio 20 è un semplice editor video che combina editing di livello semi-professionale e creatività illimitata. In breve: inizia il tuo progetto con un modello a tema o effettua l'editing nella linea temporale a sei tracce. Puoi anche aggiungere riprese da due fotocamere con l'editing video multi-camera ed aggiungi animazioni di grande impatto con la nuova animazione stop motion. Dona un tocco di stile con circa 1500 effetti 2D/3D, straordinari titoli e una colonna sonora personalizzata. Quindi condividi il tuo filmato online, esportalo sui dispositivi più usati o crea eleganti progetti su DVD con oltre 20 modelli di menu.

 
Cercasi ATTRICE di colore per film

CERCASI ATTRICE di colore per progetto di un lungometraggio. Età scenica dai 25 ai 35 anni. La candidata deve conoscere almeno una lingua straniera oltre l'inglese (preferibilmente francese). Per la candidatura inviare alla mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. : numero 2 (due) foto: primo piano e figura intera + C.V. personale con esperienze nel settore cinematografico. Lavoro ovviamente retribuito.

 
Alla ricerca della luce, le malattie rare degli occhi in un cortometraggio di Gabriele Mainetti

Un video per far conoscere il senso di smarrimento di chi è affetto da una malattia degli occhi che lo porterà alla cecità. Condizioni rare per cui i progressi della ricerca sono un raggio di sole. Paura, spaesamento, sgomento. Sono i sentimenti portati sullo schermo da Gabriele Mainetti, regista di “Lo chiamavano Jeeg Robot”, protagonista del video “In the woods”, ideato per far conoscere al pubblico la condizione di chi è affetto da una malattia rara degli occhi. (qui vedi il video)

 
Cospiracy Code: il mistero si infittisce ancor prima di vederlo sullo schermo

Misteriosi rituali pagani, un duplice omicidio che cela un segreto inconfessabile, l'occultamento di due bimbe, una mappa strappata, uno strano tatuaggio spezzato, un enigmatico dipinto, la prepotenza e l'arroganza del potere governativo nel mettere tutto a tacere ma anche il risveglio delle coscienze pronte a ribellarsi e combattere contro i soprusi.

Apparentemente sembrano alcuni spunti tratti da qualche storia del romanziere americano Dan Brown (Il codice Da Vinci, Angeli e Demoni, Inferno) ma contrariamente nascono dalla fervida immaginazione del regista toscano Mario Cosentino che col suo Conspiracy Code intende trasportare gli spettatori in luoghi ed avvenimenti che non sono troppo lontani dalla realtà di alcuni fatti di cronaca passata e recente, ma anche di scenari ipotizzabili di un prossimo futuro. La disinformazione fa da padrona in tutto svolgersi degli avvenimenti e quel che è stato certo pochi istanti prima diventa opaco e nebuloso poco dopo. Fidarsi di qualcuno diventa rischioso e forse l'aiuto insperato verrà proprio dal nemico.  (vedi il video)

 
Critica vs pubblico: come si giudica un film?

Critica vs pubblico“Hanno detto che ‘La grande bellezza’ è un capolavoro, mentre io la definisco ‘La grande bruttezza’ “. E’ emblematica la presa di posizione di un noto regista parmigiano che in una frase, andando oltre la sua incisività, richiama una tematica sempre attuale nel mondo del cinema: il confronto tra il giudizio della critica e quello del pubblico, spesso opposti tra loro. Capita non di rado che grandi capolavori osannati dagli ‘addetti ai lavori’ non rispondano poi alle aspettative della platea delle sale cinematografiche e viceversa. Come orientarsi, dunque, in questo difficile testa a testa, con cui anche la figura del regista deve misurarsi, quando poi all’interno stesso di chi deve esprimere una valutazione vi sono differenti parametri per dare un parere su una pellicola? Si pone necessaria un’ulteriore domanda: i critici seguono criteri oggettivi per valutare un film oppure anche loro seguono il personale punto di vista?

 
Come Farsi Venire delle Buone Idee per un Corto (1)

Il cinema è la tua più grande passione e sogni di stare dietro la cinepresa? Se vuoi prendere in mano una telecamera e iniziare a girare un cortometraggio, prima ti serve una storia fantastica da raccontare. Imparare a dare libero sfogo al tuo lato creativo e iniziare a scrivere non deve essere una fatica immane. Scopri come trovare una bella storia e trasformarla in una sceneggiatura convincente che ti permetterà di girare un corto meraviglioso.

 
Canon LEGRIA HF G40

Legria HF G40La videocamera Legria HF G40 – che può registrare in AVCHD fino a 28 Mbps e MP4 fino a 35 Mbps – è caratterizzata da un sensore HD CMOS Pro da 1/2.84” e un processore DIGIC DV4; l’obiettivo è uno zoom grandangolare 20x, con lunghezza focale 26,8-576 mm. Fra le caratteristiche, da segnalare la presenza di diaframma a 8 lamelle ad apertura circolare per un gradevole effetto sfocato dello sfondo (bokeh) nelle riprese con ridotta profondità di campo, la possibilità di registrare contemporaneamente in AVCHD e in MP4 su due schede SDHC/SDXC (fino a 24 Mbps AVCHD per ogni scheda, o fino a 24 Mbps AVCHD e 4 Mbps MP4 insieme), di riprendere in slow e fast motion e time-lapse.

 
Dentro le memorie controverse: UN MINUTO DE SILENCIO

regista-ferdinando-vicentini-orgnaniOggi, l'America Latina è in rivoluzione: dal Messico, al Brasile alla Bolivia sono migliaia le persone che si mobilitano in nome della libertà, dei diritti, dell'identità, di una nuova politica. Rivoluzioni che spesso in Europa non ci vengono raccontate e se qualcuno ci prova spesso omette o distorce quei fatti fondamentali che andrebbero a formare una corretta opinione pubblica. In questo caos comunicativo dato da un giornalismo superficiale vi è però chi cerca di approfondire i fatti e di documentare la realtà, andando sul luogo dell'accaduto e cercando di comprendere la situazione.

 
Avete la stoffa necessaria per diventare un bravo regista?

Con la tecnologia di oggi, tutti possiamo essere dei registi. Bisogna però capire se uno sia un regista per caso, o uno veramente motivato e portato per il mestiere. Voi a quale categoria appartenete?  Facile sognare di essere dei registi, ma più difficile è essere uno veramente portato per il mestiere, che abbia seriamente la mente e l'attitudine per riuscire a portare una ventata di freschezza nel panorama. E come fare per sapere se si è di quest'ultima categoria?

 
Roma: anche a gennaio i workshop gratuiti per Filmaker

A Roma nei pomeriggi di Mercoledì 18 gennaio (completo) e Mercoledì 25 gennaio dalle ore 15,00 alle ore 18,00 si terranno workshop gratuiti di un pomeriggio per aspiranti filmaker. Saranno incontri dove si analizzeranno alcuni cortometraggi dal punto di vista della sceneggiatura, della regia, della direzione della fotografia in modo da offrire utili consigli e spunti di lavoro a chi ha voglia di entrare da vincente in questo mondo.

 
Le Maestranze nel mondo del Cinema (e del Cortometraggio)

Qui potrete trovare in ordine alfabetico un elenco con una breve descrizione delle maestranze che compongono la possibile realizzazione di un film. 

 
Una videocamera economica da usare in vacanza o durante le feste?

Hai bisogno di una videocamera economica da usare in vacanza o durante le feste in famiglia ma non sai quale comprare? Stai cercando una action camera da montare sulla tua bicicletta o usare sott’acqua ma non vorresti spendere troppi soldi? Tranquillo, ti do una mano io a scegliere. Cominciamo facendo una distinzione importante: le videocamere possono essere di tipo HD 720p, cioè in grado di registrare filmati con una risoluzione massima di 1280×720 pixel, oppure Full HD 1080p e consentire la realizzazione di video grandi fino a 1920×1080 pixel.

 
Bologna, documentario d'inchiesta: MANI SULLA SANITA’: la RIVOLTA

Il collettivo IndyGroundFilm vi invita alla prima nazionale del nuovo documentario d'inchiesta "Mani sulla Sanità: la Rivolta", a Bologna sabato 14 gennaio alle ore 18 al cinema Galliera.  Dopo quasi due anni di registrazioni (avvenute tra febbraio 2015 e settembre 2016) e la partecipazione di oltre venti operatori video, viene finalmente presentato al pubblico questo progetto che completa il lavoro iniziato con il documentario del 2014, “Mani sulla Sanità”, che vide la regia congiunta di Giuliano Bugani e Daniele Marzeddu. 

 
Le mie prime volte sul set

Oddo Bernardini è un celebre operatore di macchina, con oltre 100 film all'attivo. La sua carriera inizia a Roma nel 1961 quando, poco meno che ventenne, affascinato dal mestiere del padre Bianco Bernardini (meccanico cinematografico e operatore di macchina di film degli anni ’50) inizia a lavorare sui set di Cinecittà. Gli incontri professionali, gli aneddoti divertenti, le curiosità: nello straordinario archivio della memoria di Oddo Bernardini c'è un segmento fondamentale della storia del nostro cinema. Iniziamo questo viaggio cinefilo partendo proprio dai suoi primi passi sul set. 

 
Un teatro per la comunità: proiezione gratuita di cortometraggi al Municipio Roma 8

L'associazione culturale ILCORTO.IT, il giorno mercoledì 28 dicembre, alle ore 20,30, al teatro Mongiovino, in via Giuseppe Genocchi n.15, a Roma (vicino piazza dei Navigatori), con ingresso gratuito fino a riempimento dei posti, proietterà una dozzina di cortometraggi tratti dal suo Archivio Nazionale dei Cortometraggi. L'evento UN TEATRO PER LA COMUNITA' è una idea folle, sviluppata in pochi giorni, dall'assessore alla cultura del Municipio 8 di Roma Sandra Giuliani.

 
«InizioPrec.12345678Succ.Fine»

Pagina 4 di 8