HDTV: Formati e Standard PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
TECNICA - AVANZATA

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

HDTV: Formati e Standard

Federica Migliardi

( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )

Abstract

Si sviluppa uno studio di una realtà in inequivocabile evoluzione :la Tv ad alta

definizione. L’argomento viene sviscerato a piccoli passi:si parte dagli

antecedenti storici (Tv analogica,Tv digitale) per soffermarsi sui fondamenti

dell’HDTV,le diverse tipologie, la linea temporale di passato, presente e futuro

di tale rivoluzione che coinvolge ,come meglio ci accorgeremo in seguito, tutto

l’universo mediale. Il tutto è posto in una prospettiva critica e aggiornata alla

rapidità degli eventi.

Indice

1 Obiettivo.......................................................................................3

2 Introduzione 3

3 HDTV …………………………………………………………………………………………………… 7

· 3.1:Definizione………………………………………………………………………………… 7

· 3.2:Diversi Standard di risoluzione………………………………………………. 10

· 3.3:Primi sistemi definiti HDTV (analogici) ..............................11

· 3.4:Sistemi HDTV contemporanei ...........................................12

· 3.5:Situazione in Italia .........................................................13

· 3.6:Contesti Applicativi .........................................................14

4 Valutazioni ..................................................................................15

· 4.1: Vantaggi HDTV...................................................................15

· 4.2: Svantaggi HDTV .................................................................16

5 Conclusioni..................................................................................17

6 Riferimenti ..................................................................................19

"We live in a moment of history when change is so speeded up that we

begin to see the present only when it is already disappearing.
"

(R.D. Laing's book - Politics of Experience)

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

License

This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NonCommercial-

ShareAlike 2.5 License. To view a copy of this license, visit

http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/ or send a letter to Creative

Commons, 543 Howard Street, 5th Floor, San Francisco, California, 94105, USA.

You are free:

* to copy, distribute, display, and perform the work

* to make derivative works

Under the following conditions:

Attribution. You must attribute the work in the manner specified by the author or

licensor.

Noncommercial. You may not use this work for commercial purposes.

Share Alike. If you alter, transform, or build upon this work, you may distribute

the resulting work only under a license identical to this one.

* For any reuse or distribution, you must make clear to others the license terms

of this work.

* Any of these conditions can be waived if you get permission from the copyright

holder.

Your fair use and other rights are in no way affected by the above.

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

1 Obiettivo

L’obiettivo di questa relazione è quello di descrivere il

concetto di TV ad Alta Definizione in modo chiaro ed

esauriente .

Nell’ambito del moderno paradigma di convergenza

tecnologica di settori quali le telecomunicazioni, l’informatica

e la televisione (nonché elettronica di consumo) ,ottenere un

tale risultato è possibile solo collocando l’oggetto di studio

(la tv HD) in un panorama variegato e multisfaccettato, che

annoveri tra l’altro: percorso storico,sviluppo ,vantaggi e svantaggi ,

alternative ,contesti applicativi ,problematiche ,confronti, in modo che esso

risalti,nella sua complessità, dall’intersezione di più ottiche vettoriali .

2 Introduzione

“E’ cominciata una nuova era” (G. Kofler,Pres. PayTv tedesca Premiere)

Il broadcasting e la televisione stanno entrando nell’Era dell’Alta

Definizione:una transizione così profonda da essere paragonabile all’

introduzione della Tv a colori e da aver rivoluzionato il mondo delle

telecomunicazioni,sia dal lato della produzione (emittenti,produttori di

hardware,editori di contenuti) che della fruizione.

Come avviene per tutte le trasformazioni del settore Tv vi è stato un lungo

periodo di incubazione in cui l’avvento del digitale ha segnato la svolta

decisiva: in realtà infatti il termine era già usato per riferirsi agli standards tv

sviluppati negli anni ‘30 al posto dei primi sistemi sperimentali . Quindi

l’aggettivo “alta definizione”viene di volta in volta usato per indicare sistemi

tecnologici garanti di una migliore qualità rispetto ai precedenti.

Tuttora il processo di affermazione è ancora agli stadi iniziali ,soprattutto in

Italia (negli USA,secondo le previsioni, tutte le principali emittenti Tv saranno

convertite all’alta definizione entro il 2006) ma sono già allo studio standard

superiori come la Super HD Tv(S-HDTV) e l’Ultra HD Tv (U-HDTV) .

Per capire meglio l’entità di tale mutamento occorre partire dagli albori, cioè

dagli antenati di tutti gli odierni standards digitali,
i sistemi analogici: PAL,

SECAM e NTSC. Essi vengono solitamente differenziati in base a tre criteri :

· Risoluzione dello schermo: n.di linee verticali x linee orizzontali di pixels;

· Tipologia del frame: Intrallacciato(i), progressivo(p) o progressivo a

frame segmentati (pSf:poco usato);

· Frame -rate (fps:frame per secondo);

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

Standard Risoluzione

(effettiva)

Framrate

(fps)

Pro e Contro Adottato in:

PAL

(1967)

768x576 25 Pro:
*migliore per

telecinema

Contro: *minore risoluzione

verticale risp.NTSC

*sfarfallio

Europa

NTSC

640x480 30

Pro: *Compatibilità

*Minore sfarfallio

Contro:*problemi di

colore,necessario il

Tint Control

*Inferiore qualità

immagine

*Complicate

trasformazioni per

visioni telecinema

America

Giappone

SECAM

(1967)

768x576 25 Pro: *
trasmette solo un

colore per volta

perciò non presenta

gli artifici di colore

dei rivali

Contro: *sfarfallio (come

PAL)

*segnale non

lineare :difficile

manipolazione

Francia ed

Ex-colonie

PAL: Phase Alternative Line

NTSC: National Television Standard Committee

SECAM: Sequentiel Couleur Avec Memoire

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

Diffusione :

bright green - NTSC, yellow - PAL, or switching to PAL, orange - SECAM, olive - no information.

La televisione analogica sta evolvendo verso standards di Tv Digitale (DTT

definita da ATSC e DVB*,il Digital Video Broadcasting europeo):ovvero

l’adozione di un sistema di trasmissione numerico che ,in quanto tale ,non

risente di interferenze e disturbi,permettendo al ricevitore di ricostruire

esattamente il segnale originario,senza perdite di qualità.

Si tratta di una tv generalista ma anche a pagamento trasmessa in modalità

broadcast agli utenti(via satellite,cavo o antenna). I televisori attuali sono usati

come monitor e il sintonizzatore è sostituito da un DECODER (o STB :Set-Top-

Box) che può anche essere dotato di un canale di ritorno o feedback.

Le piattaforme tecnologiche attualmente in grado di diffondere il segnale in

questione sono: ATSC (America),DVB (Europa) e ISDB (Giappone)

I vantaggi apportati dal digitale sono:

· Migliore qualità video e audio,anche stereo e multicanale (EDTV,HDTV)

· La multicanalità:moltiplicare il numero di canali disponibile mantenendo

le frequenze attualmente usate trasmettendo più canali su una sola

frequenza ,con possibilità di inviare insieme audio e video attraverso

codifica Mpeg-2. Ogni singola frequenza diventa così in grado di ospitare

fino a 10 canali Tv (SDTV).

· L’interattività :resa possibile da un canale di ritorno (es. collegamento

telefonico) che rende attivo il ruolo dello spettatore (adatto per alcuni

format :quiz,concorsi a premi…).

· I Servizi Aggiuntivi:grazie ad un teletext di nuova generazione si può

accedere a servizi informativi e di utilità pubblica:orari di treni e aerei,

notizie sul traffico,elenco di numeri telefonici,fino a vere e proprie

consultazioni bancarie.

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

Nessun dubbio circa il fatto che la DTT soppianterà presto la tv analogica:la

mancanza però di vantaggi evidenti (ad es.i servizi interattivi già sono

fruibili via Internet o cellulare GSM) ed il mercato saturo, rendono però

questo processo abbastanza lento (5-10 anni ,secondo le previsioni).

*Il consorzio Europeo autore del DVB,si propone di riassumere in un unico

gruppo tutti gli interessi delle principali emittenti europee ,cioè di sviluppare

un sistema di tv digitale completo, basato su un approccio unificato.

Il segnale digitale possiede una potenzialità ulteriore :può essere

manipolato, grazie alla scalabilità intrinseca nella sua tramissione ,in modo

da ottenere nuovi standard DTT:

Television resolution

LDTV 240i60, 288i50 (CIF)

SDTV 480i60 (NTSC), 480p30, 576i50 (PAL, SÉCAM), 576p25

EDTV 480p60, 576p50, 720i50, 720i60, 720p24, 720p25, 720p30

HDTV 720p50, 720p60, 1080p24, 1080p25, 1080p30, 1080i50,

1080i60

Progressive, Interlaced

1. LDTV (Lower Definition TV): si riferisce ai sistemi Tv digitali con

risoluzione più bassa dell’ SDTV; il termine è spesso usato in

riferimento ad una risoluzione uguale o simile ai sistemi analogici.

2.
SDTV (Standard Definition Tv): si riferisce a risoluzioni inferiori

all’HDTV .Così come è stato definito dall’ATSC, l’SDTV può essere

trasmesso con risoluzione a frame intrallacciati:480i o 576i. Il refresh

rate può essere di 24,30 o 60 fps. L’ SDTV digitale in formato 4:3 ha

lo stesso aspetto della regolare Tv analogica (NTSC,PAL,SECAM) meno

alcuni difetti:il “ghosting”,le immagini “ nevose” e i rumori statici

(dovuti alla cattiva ricezione).

3.
EDTV (Enhanced–definition Tv):in genere si riferisce ad un segnale

con definizione a 480 linee che è trasmesso a 60 fps progressivi

,oppure ad un segnale a 576 linee trasmesso a 50 fps progressivi

:480p e 576p. I segnali EDTV sfruttano spesso il formato 16:9 e sono

considerati equivalenti in qualità dell’immagine allo standard DVD .E’

considerato parte dell’HDTV standard americano e ,fino a poco tempo

fa, era usato dalla Rete americana Fox,prima che si convertisse al

720p dell’HDTV.

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

NB: Nel 1989 la tv digitale non aveva ancora i presupposti per poter essere realizzata.

Addirittura si pensava che la tv digitale andasse contro le leggi della fisica. <<
Avremo la tv digitale lo stesso giorno in cui potremo realizzare una macchina antigravità>>, affermò

all'epoca Joe Flaherty, responsabile tecnico della Cbs.

Possiamo ora considerare più approfonditamente lo standard HDTV

3 HDTV

3.1 Definizione

Cosa significa oggi “High Definition television”?

HDTV è un formato digitale di trasmissione del segnale televisivo così definito

perché permette una risoluzione e una qualità dell’immagine apprezzabilmente

superiore rispetto agli standard tv tradizionali (analogici:PAL,SECAM,NTSC e

digitali: SDTV ). Nel sistema HD l’immagine finale deve essere trasmessa

digitalmente ma anche rispettare i parametri appositi imposti dal consorzio

ATSC (Advanced Tv Standards Committee ) che si occupa di classificare i vari

standard DTV .

Effects:

Snow,

ghosting,

flutter

Effects:

crisp,

clear,

vivid

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

Quali sono i requisiti caratterizzanti l’ HDTV?

· Il formato Widescreen 16:9 di tipo cinematografico,( più largo

orizzontalmente e verticalmente del 4:3) ,adatto quindi a visualizzare i

films nel loro formato originale senza trattamenti degradanti per

adattarli alla trasmissione Tv,come il “
pan and scan“ (taglio di parti delframe) o il “letter-boxing”(aggiunta di fastidiose bande nere sopra e

sotto l’immagine). Si aumenta così l’impatto emotivo,contribuendo a

offrire allo spettatore una coinvolgente,“true cinematic experience”.

· Qualità resa grafica: livello di dettaglio dell’immagine migliore della resa

su DVD , fino a 10 volte superiore a quello degli attuali standard

Tv(digitali o analogici) e simile a quello della pellicola cinematografica a

35 mm,grazie a 2 peculiarità :

1. Risoluzione : spesso supera di più di 2 volte quella della Tv

tradizionale (analogica o digitale) con i suoi 3 standards principali:

1920x1080 i/p, 1280 x720 p. In cifre:la tv tradizionale ha una

effettiva risoluzione di 210.000 pixels, l’HDTV innalza il totale a

circa 2 milioni di pixels per frame.

2. Forma diversa dei pixels :sono quadrati non più rettangolari e

posizionati più vicini ;4 pixels HDTV e mezzo possono occupare lo

spazio di un singolo pixel NTSC. Come risultato si ottiene una

visione 4.5 volte più dettagliata della Tv analogica

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

· Compressione standard Mpeg-2: (anche se si sta lavorando per

introdurre l’H264/Mpeg-4 Advanced) è in grado di ridurre la quantità di

dati con rapporto 55:1. L’uso di questa codifica permette al ricevitore

HDTV di interagire direttamente con le applicazioni multimediali del PC.

· Profondità dell’immagine: rende “vive”le trasmissioni HDTV. Si usa inparticolare il Common Image Format (in produzione): 1920x1080x50p.

Altri formati immagine ,rappresentabili mediante spettro a 3 dimensioni,

sono:1920x1080x50i, 1920x1080x24p, 1280x720x50p. Ciascuno ha

particolari caratteristiche ed applicazioni (secondo:programmi Tv USA).

· True Sorround Sound: qualità audio superiore al Dolby Digital Sorround

Ac3 e, quindi ,allo Stereo Sound. Infatti, mentre lo standard Stereo

Sound mette a disposizione 2 canali audio (left /right), il Dolby Digital

5.1 disponibile con l’ HDTV fornisce 5 canali audio (left/right/center/rear

left/rear right, Plus:Bass) che creano una esperienza di visione e ascolto

avvolgente ,di tipo “teatrale”.

N.B: Per tutte queste funzionalità sono necessari alcuni strumenti:un intero HDTV set (con

schermo di tipo LCD o al plasma , tra i 32” e i 50”) ; solo un’antenna o un HDTV Cable o

Satellite Set-Top-Box , per ricevere il segnale HDTV ; l’appropriato impianto audio

Photo courtesy Sony Electronics

Sony's SAT-HD300 set-top box receives HDTV broadcasts as well as HD satellite

programming.

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

3.2 Diversi Standard di risoluzione:

L’HDTV è trasmessa usando 2 principali tipologie di risoluzione:

· 1920x1080i (HD): di solito è associato ad un formato dello schermo

(“aspect ratio”) widescreen di 16:9;fornisce una risoluzione di 2.07

milioni di pixels. I 2 field-rates dell’uso comune sono 50 e 60 hertz (il

primo è usato nelle nazioni tradizionalmente PAL e SECAM,il secondo nei

Paesi che privilegiano l’NTSC).E’ direttamente compatibile con molti set

HDTV basati su monitor CRT.

· 1280x720p (HDV) : generalmente è associato ad un formato dello

schermo (“aspect ratio”) widescreen di 16:9; fornisce una risoluzione di

0.92 milioni di pixels. Supporta 5 diversi frame–rates:24,25,30,50 e 60

fps . E’ inoltre direttamente compatibile con la più recente tecnologia a

schermo piatto ,come il plasma e l’LCD,che sono nativamente progressivi

E’ superato dal 1080p.

Confronto tra 1080i e 720p: non è facile stabilire il migliore ,dipende dai punti

di vista. Il 720p dona una maggiore stabilità all’immagine,tuttavia il 1080i

fornisce una risoluzione superiore. Di fatto il progressivo elimina i difetti di

fermo immagine soprattutto durante la fase di montaggio,inoltre il 720p è

preferibile per le riprese di eventi sportivi caratterizzati da movimenti veloci

perché consente una immagine più smussata ,sebbene mostri difetti di

interlacciamento dovuti,ad es,al movimento della videocamera o del soggetto.

Chi sostiene l’HDV afferma che data una distanza di visione media e una

dimensione media dei dispositivi HDTV,l’occhio umano non sarebbe in realtà in

grado di percepire alcuna differenza qualitativa tra i 2 formati .Perchè?

Poiché a tale distanza l’immagine 720p satura la risoluzione percepibile

dall’occhio umano;è necessario osservare lo schermo più da vicino per cogliere

la differenza.

Infine sta muovendo i primi passi un terzo formato:

· 1920x1080p: di solito è associato ad un formato dello schermo (“aspect

ratio”) widescreen di 16:9;fornisce una risoluzione di 2.07 milioni di

pixels. In realtà nessuna trasmissione 1080p esiste al momento: si

tratta di uno standard definito solo in modo teorico ,destinato a

trasmissioni future,sebbene i prossimi supporti video ad alta definizione,

Blu-ray Disc (Sony)e HD-DVD,pare adotteranno questa risoluzione. E’

spesso definito “
true HD”o “full HD”,a dimostrazione del fatto che il

concetto di “alta definizione”è in continua evoluzione.

Il tipo di formato di trasmissione dipende dal media usato per la registrazione

e le caratteristiche del contenuto da trasmettere. Ad esempio i film fotografici

destinati al teatro usano i 2 formati 720p24 o 1080p24; i video HDTV non

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

cinematografici sono generalmente registrati nel formato 720p che è adeguato

al tipo di contenuto. Per limitare la complessità della tecnologia alcune

emittenti negli stati Uniti hanno stabilito un formato unico per tutti i

programmi: Fox ,ABC e ESPN (le ultime 2 di proprietà Disney) usano il 720p

,mentre le rivali NBC e CBS trasmettono in 1080i.

3.3 Primi sistemi definiti HDTV (analogici):

1. SECAM 755i (1948): mentre in tutta Europa le nazioni optavano

ognuna per diverse risoluzioni Tv, la Francia scelse nel ’48 le 819 linee.

Il sistema Tv francese ,che,alla luce degli standard attuali,può essere

chiamato “Sècam 755i “(non tutte le linee erano impiegate per

rappresentare l’immagine), divenne il primo sistema HDTV a livello

mondiale. L’introduzione avvenne nel 1950:era usato solo in Francia e a

Monaco,ed in Francia solo per la prima emittente.

2.
Muse 1035i (1980): Sviluppato in Giappone dai laboratori NHK ( la Tv

di stato nipponica),impiega artifici di filtraggio del segnale sorgente in

modo da ridurre l’occupazione di banda .Tale segnale HDTV analogico è

stato trasmesso in Giappone nei lontani anni ’90, usando una risoluzione

a 1035 linee intrallacciate (1035i). Rappresenta il più vecchio sistema

operante in HDTV ancora in uso,infatti,sebbene il Giappone sia ormai

passato all’HDTV del sistema digitale ISDB,il canale 9 del satellite BS

,basato su standard Muse è tuttora trasmesso.

3. HD-MAC(1986): Il Mac era uno standard stabilito dalla Commissione

Europea per il segnale Tv digitale non compresso ,l’HD-Mac la sua

variante HD. Non ebbe successo tra i produttori broadcast a causa degli

elevati costi di trasmissione e dell’ eccessiva occupazione di banda:non

era realistico usare 36Mhz per un segnale HD nelle trasmissioni

terrestri,si poteva ipotizzarne l’uso solo via satellite e via cavo,quindi non

reggeva il confronto con la SDTV terrestre tradizionale,tanto da essere

abbandonato nel 1993 a favore della piattaforma DVB (Digital Video

Broadcasting) ,che permette sia SDTV che HDTV.

Il 26 novembre 1991 viene realizzato negli USA il primo sistema

HDTV completamente digitale

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

3.4 Sistemi HDTV contemporanei:

· Europa: il pioniere delle trasmissioni HDTV è Euro 1080 che ha

cominciato con il primo canale (HD1) nel 2004 e ora ha aggiunto

altri 2 canali(HD2 e HD5). Nel particolare, la nazione attualmente

in prima fila in questo scenario è la Gran Bretagna: la BBC ha

annunciato che gli esperimenti sull’HDTV cominceranno nel

2006,mentre alcune riprese vengono già fatte in questo formato.

Entro il 2010 programma la completa conversione all’alta

definizione.(come le maggiori emittenti USA).Comunque
,con

l’annuncio dei primi bouquet di canali HDTV di Sky nello UK

(2006,in particolare per il campionato di calcio inglese),Premiere in

Germania ,Austria e Svizzera e quelli terrestri a pagamento della

Tv francese,sembra che l’HDTV stia lentamente prendendo piede in

Europa. Grazie al ritardo nell’adozione dello standard ,l’Europa ha

il vantaggio di avere a disposizione una codifica di compressione

,H264/Mpeg-4 AVC nettamente superiore all’Mpeg-2 attualmente in

uso dal sistema ATSC statunitense.

· Giappone: ha sperimentato per decenni l’uso di HDTV ad

implementazione analogica,ma il suo vecchio sistema (Muse) non è

compatibile con i successori digitali. Ha iniziato a trasmettere ad

HD tramite tecnologia ISD-B dal dicembre 2003.

· Repubblica di Corea: dopo una lunga controversia tra il governo

e i broad-casters, ATSC è stato preferito alle DV-BT. Dal 2005 i

servizi digitali sono disponibili in tutta la nazione.

· Messico: la compagnia TV messicana Televisa ha compiuto

esperimenti di trasmissioni HDTV fin dai primi anni ’90 in

collaborazione con il giapponese NHK. Alcuni eventi sono ora

trasmessi in alta definizione, ma l’uso dell’HDTV e tuttora molto

limitato.

· USA: lo standard HDTV è definito dal consorzio ATSC e utilizza in

genere il formato 1080i, ma alcune emittenti (ABC ed ESPN)

trasmettono anche in 720p sfruttando la minore risoluzione per

migliorare la presentazione del

movimento.

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

3.5 Situazione in Italia:

La Rai avvierà un canale sperimentale in HDTV per le Olimpiadi Invernali di

Torino 2006; questa sperimentazione avverrà 16 anni dopo quella “storica” dei

Mondiali di Calcio del 1990. Sarà adottata la compressione Mpeg-4/H264 con il

segnale criptato per impedire accessi non autorizzati. La produzione di circa

metà degli eventi olimpici ,a partire dalla cerimonia di apertura , sarà

realizzata in HD mentre in 5 o 6 siti la produzione sarà solo HD.

Infine Broadcasters privati stanno lavorando per trasmettere i prossimi

Mondiali di calcio 2006 in HDTV,infatti è certo che ,in un primo momento, ad

avvantaggiarsi dell’HDTV saranno i locali pubblici ,come agli albori della TV.

Ingrassatisi con il sovrappiù di larghezza di banda loro concesso per le

trasmissioni ad alta definizione, i broadcasters hanno capito che, mentre loro

lodavano a parole l'Hdtv, c'erano tutti quegli altri business che sarebbero stati

possibili se le trasmissioni fossero passate al digitale. Silenti sono diventati dei

partecipanti al grande gioco della convergenza, in cui ciascuno dei settori

industriali (intrattenimento, produzione di consumer electronics, produzione di

computer, creatori di software, ecc.) intravede la possibilità di crescita a spese

degli altri.

NB: Già nel 1993, in piena battaglia per la tecnologia tv ad alta definizione Usa, l'ex presidente

della Fcc Richard Wiley, allora a capo del comitato Atsc per la scelta dello standard Hdtv, per

tenere a bada l'industria dei computer affermò:

<<Devo ricordare ai colleghi dell'informatica che stiamo sviluppando uno standard

televisivo>>.

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

3.6 Contesti applicativi:

Il futuro dell’alta definizione si prospetta luminoso non solo per le applicazioni

televisive. Ci sono molte altre opzioni di fruizione in grado di espandere il

mercato e rendere l’HD più versatile da un punto di vista commerciale.

Una selezione di tali applicazioni include:

· Produzione cinematografica: l’industria cinematografica ha sempre

utilizzato come supporto la pellicola 35mm, che rappresenta un

rivale agguerrito per l’HDTV. Teoricamente i film a 35 mm

dovrebbero raggiungere risoluzione 4k (4 milioni di pixels) ,

mentre non esistono in commercio videocamere HD in grado di

supportare questa definizione.Tuttavia,grazie alle pressioni da

parte dell’industria del cinema e i miglioramenti nei dispositivi di

capture-image, è solo una questione di tempo. In ogni caso, poiché

la risoluzione a 4k per il 35mm è solo un limite teorico, raramente

ottenuto nella presentazione finale al cinema ,conviene, dal punto

di vista economico, filmare in standard HDTV 1920 x 1080 x 24p;

infatti negli ultimi anni parecchie produzioni blockbuster sono state

interamente o in parte registrate in HD, la più celebre tra queste è

la serie “Star Wars”. Attualmente ,comunque, i 2 sistemi

collaborano visto che l’elaborazione digitale delle immagini viene

operata durante l’intera fase intermedia tra l’impressione del

negativo e la stampa del positivo da proiezione.

· Digital-cinema( distribuzione e rappresentazione del film): l’ HD

cinema è sbarcato quest’anno anche alla Mostra di Venezia con il

cartoon”La città incantata-Spirited away” di H. Miyazaki insieme ad

altre 5 altre pellicole tra cui “Bubble” di S.Sodenbergh, proiettato in

4K.*

· Dvd ad alta definizione (Blu Ray-disk/HD-disk): è in atto una

battaglia di standards per eleggere il successore del DVD nello

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

storage di contenuti ad alta definizione (max capacità:50GB/45GB).

· Internet streaming :download di programmi HD da Internet ;

· Consoles per videogiochi ad alta risoluzione(es:XBOX 360);

· Realizzazione di filmati (amatoriali):stanno emergendo prodotti HD

per i privati che rappresentano veri e propri strumenti di

produzione di immagini ,alternativi a quelli dei broadcaster ufficiali.

· Applicazioni mediche;

· Applicazioni militari e di sorveglianza;

*Cinema digitale: rivoluzione dell’industria del

settore ;si parla di “microcinema” ad indicare la

sua prossima distribuzione capillare e flessibile

alle sale HD tramite nuove linee wireless ,definite

dallo standard WiMax (80Mb /s, banda larga).Le

case di produzione potranno così spedire

direttamente e contemporaneamente i film alle

sale di tutto il mondo,abbattendo così i costi di

produzione,distribuzione e smaltimento delle

pellicole. Tuttavia vi è molta cautela degli esercenti nel passare al nuovo

sistema digitale (sia negli USA che in Europa) per 2 ragioni principali:gli

schermi digitali hanno ancora un costo eccessivo(100.000euro) rispetto a quelli

tradizionali ,inoltre l’approvvigionamento di film nel nuovo formato digitale è

scarso e irregolare .Non bisogna dimenticare però che il sistema consente la

ricezione di film digitali ad altissima risoluzione e permetterebbe alle case

cinematografiche di risparmiare il 75% delle attuali spese!.

In ogni caso…

L’HDTV sarà presto una realtà per tutti:la Consumer Electronic Association

(CEA) prevede che la fornitura di HDTV raggiungerà i 36,6 milioni di unità

entro al fine dell’anno 2005,e i 67,3 milioni di unità entro il 2006.

4 Valutazioni

4.1 Vantaggi HDTV:

· Alta qualità di visione:audio e video di nuova generazione cambieranno il

concetto stesso di guardare la Tv: non più visione passiva,ma vera e

propria “user experience “ di tipo teatrale ,sempre più coinvolgente ed

emozionante ,vivibile in modalità diversa:da monitor di Pc, sui dispaly

delle consoles,al cinema…

· Integrazione servizi della Tv digitale. Sorge un dubbio:se L’HD ci ha

accompagnato fin dagli anni ’90 ,a cosa è dovuto il rinnovato interesse

per l’argomento? Ad alcuni fattori: la disponibilità di schermi widescreen

ad alta risoluzione,piatti, per la fruizione,ma prima di tutto le possibilità

che essa offre per integrare gli attuali servizi di Tv digitale imprimendo

una svolta verso la Tv di nuova generazione.

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

· Integrazione servizi offerti da molte altre applicazioni : Nel segno della

convergenza tecnologica e di mercato:cinema,industria del software e dei

videogiochi, home-video...Quindi L’HDTV non solo rappresenta l’anello di

congiunzione tra Tv e cinema (widescreen,formato 16:9,risoluzione) ma

permette un ulteriore passo in avanti verso la convergenza multimediale.

· Successi già evidenti in alcuni mercati: gli USA sono il mercato a crescita

più rapida (il numero di privati con HD TV sets è cresciuto da 15.000 a 4

milioni nel giro di un solo anno).Tutte le maggiori emittenti USA

trasmetteranno in HDTV già dal 2006 (ad oggi già molte tra queste

hanno scelto di usare standard HDTV). Altri mercati principali sono

Australia,Giappone,Sud Corea e Canada. Dal canto loro,molte Nazioni

Europee progettano di aver completato la copertura HDTV entro il 2010.

4.2 Svantaggi HDTV:

· Necessità di nuove apparecchiature Tv: ad es. schermi piatti ,digitali, di

tipo LCD o plasma, di risoluzione compatibile (ma anche i proiettori

frontali LCD o DLP).E’ importante perché i monitor digitali, a differenza

dei CRT ,sono a risoluzione fissa (cioè formati da un numero definito di

pixels), perciò pilotare un segnale al monitor di diversa risoluzione

comporta un evidente degrado dell’immagine. Bisogna scartare tutti i

prodotti dotati di una risoluzione inferiore a 1280x720. Spesso i display

al plasma anche di grandi dimensioni(42”) sono ancorati a risoluzioni non

solo non HD ma nemmeno PAL, inoltre gli HD Ready sono i modelli più

cari o con strane risoluzioni (es:1024x768 che non è 16:9).*

· necessità di nuovi contenuti:a causa della mancanza di contenuti

adeguati molti consumatori sono rimasti delusi dall’HD e si sono

dimostrati pronti a restituire i loro Tv sets e ritornare all’analogico .

· costi ancora elevati :inizialmente le cifre proibitive necessarie alla

conversione all’HDTV permetteranno solo ai gestori di locali pubblici e

imprenditori dei settori interessati di accedere alla nuova tecnologia. Il

motivo economico è uno dei principali fattoti ritardanti la sua

affermazione (vedi HD Cinema).

*
NB: Il marchio HD Ready,

offrirà 5 garanzie:

 schermo grande, obbligatoriamente superiore al formato tradizionale dei televisori attuali (4/3);

 schermo che prevede almeno di 720 linee;

 compatibilità del televisore con i programmi HD prodotti in tutto il mondo;

 compatibilità del televisore con gli altri dispostivi presenti in casa. Garanzia di una connettività

ottimale con gli altri dispositivi digitali e analogici;

 restituzione dei contenuti protetti. Garanzia di una diffusione in HD di tutti i programmi protetti dal

protocollo europeo anti-copia HDCP.

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

5 Conclusioni

"Already a mass consumer proposition in the US, HDTV is now taking off in Europe and Asia. In

fact, when we talk to broadcasters and operators in these regions, the question is no longer if,

but when," he commented. (Roger Bolton, director of satellite at Tandberg Tv ,GB)

Nonostante le promesse di straordinarie immagini, nitide come al cinema

dell’HDTV, non sono stati sufficienti quasi quindici anni di vita per affermarla

sul mercato ed è molto difficile, in considerazione della complessità di questo

tipo di mercato, dire che cosa le riserverà il futuro.

Infatti l'industria collegata all'alta definizione coinvolge i produttori di

tecnologie in concorrenza per la definizione degli standard, il sistema di

produzione televisivo e cinematografico costretto a rinnovarsi, le infrastrutture

di comunicazione ed infine i consumatori che devono rinnovare il loro

terminale, ovvero il televisore, che per offrire maggior coinvolgimento e

rendere più apprezzabile la qualità HD, deve aver uno schermo più grande che

deve osservato dall’utente sotto un angolo di circa 30° al di là del quale non è

confuso da movimenti che l'occhio potrebbe percepire invece con un angolo

inferiore, con cui di solito vede la televisione. Il grande schermo piatto che

forse oggi si sta sviluppando è l'elemento più importante che era mancato

all'alta definizione.

Nel settore Televisivo:i ritardi sono attribuibili sia alle battaglie sugli standards

tecnici che alla paura della pirateria video che rallenta l’attività dei produttori di

schierare nuove tecnologie in grado di implementare l’alta definizione verso

l’home-networking e la Tv interattiva.

Molte scelte devono ancora essere compiute: per esempio,i maggiori networks

americani devono ancora accordarsi su quale risoluzione adottare ,poiché

mancano le indicazioni da parte degli istituti preposti come la FCC (Federal

Committion Committee)

A proposito di scelte,sembra che il satellite,avendo entrambi i requisiti di

disponibilità di canali e larghezza di banda, sia il mezzo trasmissivo più adatto

all’HDTV.

Tuttavia, stiamo ancora cercando di diffondere l'alta definizione, ed ecco che

già salta fuori quale sarà il prossimo standard: dal Giappone arriva la notizia

che è stata varata allo stadio prototipale una nuova tecnologia. E' per merito di

Japan Broadcast Corporation, NHK, che è si dimostrata la fattibilità delle

trasmissioni attraverso una rete in fibra ottica su una distanza di 260 Km del

formato “Super Hi-Vision”. La trasmissione ha raggiunto la risoluzione di 7680

pixel per 4320 pixel, con un effetto di realtà superiore a quello già notevole

della televisione ad alta definizione (sebbene sia ancora da perfezionare a

causa dell’elevato carico di informazioni difficili da trasmettere).

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

Ciò dimostra che l’universo della Tv ad alta definizione è in continua

evoluzione:oggi già si parla di: Super-HDTV (S-HDTV 2160x3840) e Ultra

HDTV (U-HDTV:4320x7680,come lo standard nipponico).La prima ha circa 4

volte la risoluzione dell’HDTV e 24 volte quella dell’SDTV.

Nel settore videogiochi sebbene le linee guida siano di produrre giochi

solamente in alta definizione, questo non significa che le nuove console da

gioco (così come i nuovi lettori di film in HD) saranno incompatibili con i vecchi

televisori PAL e NTSC. E' lecito ipotizzare che le nuove console saranno in

grado di offrire le solite connessioni analogiche a definizione standard

occupandosi di adattare il segnale riducendolo in modo da renderlo compatibile

con i nostri televisori. Questo però implica che le proporzioni del frame, che

nascerà secondo specifica HDTV in formato 16:9, andranno mantenute per non

perdere porzioni della grafica o non introdurre deformazioni, e quindi i giochi

visualizzati su schermi tradizionali in formato 4:3 presenteranno con tutta

probabilità bande nere sopra e sotto l'immagine, come avviene oggi con i DVD.

(es: XBOX 360 userà formato 720p)

Per quanto riguarda i nuovi standard per dvd ad alta definizione:oltre al Bluray

Disc e all’HD-Disc ,che saranno lanciati a breve,è da citare l’uscita del

primo Dvd ad alta risoluzione sul mercato Italiano (da parte della Microsoft )in

formato Windows Media Video HD(WMV HD). Si tratta del titolo:”Open range -

Terra di confine”. Per la prima volta un intero film su un solo supporto DVD con

risoluzione circa 5 volte superiore allo standard.

DATI:

In Giappone, il 70-80% dei televisori venduti sono già HD, negli Stati Uniti la

soglia è del 40%. E l’Europa potrebbe rifarsi ben presto.

Secondo Fumio Ohtsubo, del gruppo giapponese Panasonic, entro il 2008

potrebbero essere venduti circa 15 milioni di televisori HD.

Ma per incrementare le vendite sarà necessario pensare soprattutto ai

contenuti, saranno quelli a fare la differenza.

Ing. del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione

Tecnologie e Ambienti per la Multimedialità

HDTV:Formati e Standard

6 Riferimenti

· www.wikipedia.it

· www.sony.it

· http://www.radio.rai.it/canali_innovativi

· http://www.ilcorto.it/Tecnica_AV/HD-HDV.htm

· http://next.videogame.it/html/articolo

· http://www.atsc.org/aboutatsc.html

· www.microsoft.com

· http://www.spaziogames.it/content2/speciali/

· http://spazioinwind.libero.it/tvsat/glossario.htm

· www.noemalab.org/sections/ specials/tetcm/hdtv/storia.html

· http://news.cinecitta.com/dvd/articolo

· http://www.digital-sat.it/

· http://www.tetsuo.it/news/84/blu-ray-e-hd-dvd-insieme-grazie-asamsung.

html

· www.televisionedigitaleterrestre.it

· http://www.Key4biz.it

· http://electronics.howstuffworks.com/hdtv6.htm

· http://www.dvb.org/about_dvb