Home Tecnica La Base per i Cortometraggi Lo SplitScreen
AVANZATASony Digital Cinema 4K spiega i quattro motivi per cui il 4K è indispensabile

Oggi il 4K è ovunque. Da TV a PC, passando per proiettori home cinema, telecamere e tablet, il mondo si sta convertendo rapidamente all’Ultra HD. Malgrado ciò, in Italia,...
Leggi tutto..

AVANZATASistema di Chroma Key Datavideo

Da Datavideo, ecco un sistema semplice ed economico per realizzare un perfetto Chroma Key. Semplice perchè non richiede grandi spazi; economico perchè non richiede tanta luce aggiunta. Il...
Leggi tutto..

Lo SplitScreen

Valutazione attuale: / 9
ScarsoOttimo 
TECNICA - BASE

Partendo da questo semplice concetto, il regista del cortometraggio che vi proponiamo oggi, ha confezionato un piccolo gioiellino, visivo e narrativo. Possono due persone che vivono dall’altro capo del mondo, avere qualcosa in comune?

Due vite parallele, apparentemente scollegate, una a New York [fotografata magnificamente] l’altra a Parigi, attraverso il viaggio [tema vastissimo cui il mondo della celluloide in genere ha attinto tantissimo] riusciranno a incrociare le loro vite?

Inutile raccontare oltre, il consiglio, ormai scontato per chi ci segue, è quello di vedere il corto.

Il cortometraggio ha vinto il Nokia short 2011 competition ed infatti la particolarità è quella di essere stato girato interamente con un telefonino.

Il regista è James W. Griffith. Molto interessante, per chi ama il genere Behind the Scenes, guardare il Making of. Lo trovate qui. [Splitscreen: Making of]

dal sito webshortfilms.wordpress.com