La nostra email è:
mail@ilcorto.it
Parola/Frase da Ricercare...
Chi è online
 82 visitatori online
Statistiche
Utenti : 28889
Contenuti : 3695
Link web : 1
Tot. visite contenuti : 10225871
Home Tutto il resto Informazioni Discussione sul formato HDV

Discussione sul formato HDV

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
TUTTO IL RESTO - Informazioni

IL NUOVO FORMATO DIGITALE HDV

Perchè nasce l'HDV

Il formato HDV nasce per sviluppare un mercato con qualità in HD (alta definizione) a bassi costi, sia di acquisto che di gestione. Per questo l'HDV può essere usato esattamente come un MiniDV, con le stesse cassette e con trasferimento dei contenuti via Firewire IEEE1394. Utilizzando la meccanica dei camcorder MiniDV, l'implementazione a HDV ha ridotto i costi e i tempi di sviluppo mantenendo l'affidabilità raggiunta fino ad ora con il DV.

Caratteristiche dell'HDV:

1) Registra in Alta Definizione HD le immagini su videocassette MiniDV con lo stesso bitrate con una conseguente autonomia identica al DV (25 Mb di cui 18 dedicati alle immagini).
2) L'algoritmo di compressione è Mpeg-2 interframe con un'ottima efficienza (và considerato che le informazioni sono da 4 a 6 volte superiori al DV quindi la compressione è maggiore)
3) Sono stati implementati 2 formati HDV: il progressivo 720p (1280 x 720 25p fps) e l'interlacciato 1080i (1440 x 1080 50i fps) .

Applicazioni dell'HDV 1080i nel mercato europeo PAL :

1) Produzioni televisive in alta definizione - purtroppo in europa non è ancora stato fissato uno standard e l'SMPTE dovrà decidere tra il 720p (1280 x 720 25p fps) e l'interlacciato 1080i (1440 x 1080 50i fps). Le produzioni destinate al mercato Americano e Giapponese dovranno essere girate nello standard 1080i 60i.

Applicazioni dell'HDV 720p nel mercato europeo PAL :

1) Produzioni finalizzate alla fruizione su grandi schermi dove è possibile apprezzare la risoluzione HD (Plasma e Videoproiettori HD Ready)
2) Videocinematografia a basso costo in alternativa ai formati MiniDV e DVCPro50 attualmente disponibili (per stampare su pellicola)
3) Produzione di contenuti multimediali, la cui fruizione avverrà attraverso PC (la riproduzione dei PC è sempre e solo progressiva e MS stà spingendo WMP9).
4) Produzione di documentari (che per il mercato europeo sarà necessario convertirli in PAL e necessariamente dovranno esere lavorati in HD non compresso in modo da ottenere una resa in PAL analoga ai Camcorder DV Standard definition).

Come Post-Produrre l'HDV 1080i:

1) L'Editing ed il Compositing, la cui fruizione immediata dovrà essere in PAL, dovranno necessariamente essere lavorati in HD non compresso al fine di mantenere un livello qualitativo analogo al girato, in modo che la DownConversion in PAL abbia lo stesso livello qualitativo di un girato e montato in DV .
2) Decidendo di girare in HDV una produzione e avvalendosi di Editing in HDV al fine di scaricarla in PAL si avrà un decadimento importante del livello qualitativo causato da: Forte compressione sul girato: 24:1 per il 720P e 30:1 per il 1080i

Ricompressione analoga con conseguente decadimento della qualità d'immagine

Downconversion (per avere il prodotto finito disponibile in PAL) esente da vantaggi rispetto ad una produzione DV in quanto le teste camera hanno le stesse caratteristiche di latitudine di posa e gamma dei prodotti DV PAL (non stiamo parlando di Cine Alta e Varicam ma di Camcorder derivati da MiniDV).

Come Post-Produrre l'HDV 720p:

1) Editing e Compositing in HD non compresso per le produzioni che andranno finalizzate in pellicola
2) Editing e Compositing in HDV per le produzioni che andranno finalizzate in DVD HD, ad uso di fiere e manifestazioni, cerimonie e per contributi la cui fruizione sarà attraverso PC o DVD HD (i DVD HD con codec Microsoft saranno disponibili dall'inizio del 2005 ed avranno uscite DVI, Component HD e SDI HD).

Prodotti disponibili per il mercato PAL:

1) Il prodotto capostipite che ha generato lo standard è il Camcorder mono CCD JVC JY-HD10 nel formato 720p 30 fps e NTSC 30p o 60i , disponibile dal 2003 solo per il mercato USA e Giappone (circa 4.000,00 Euro + IVA)

2) Sony avrà disponibile alla fine di Novembre il Camcorder Prosumer HDR-FX1 presentato al NAB , visto all'IBC e nascosto all'IBTS: eccezionale per costruzione, design e funzioni con supporto dei formati 1080/50i e DV PAL 50i, limitato all'uso televisivo PAL in quanto sprovvisto del formato 720P.
Se si vuole girare in HDV progressivo è possibile settare l'otturatore ad 1/25 con conseguente perdita di mezza risoluzione (a circa 5.000,00 Euro + IVA)

Da Febbraio 2005 sarà disponibile la versione professionale che consentirà la registrazione in DVCam, avrà ingressi audio bilanciati con microfono e la funzione Time Code Preset (a circa 6.000,00 Euro + IVA)

3) JVC verso la fine del 2005 renderà disponibile il Camcorder da spalla GR-HD1, basato sulla scocca della GY-DV5000.
Questo Camcorder supporterà i formati 1080/50i, 720/50p e 720/25p, di cui il 720/25p è ideale per applicazioni HD nel ns. mercato. 

Ma perchè Panasonic ha rinunciato all'HDV?

Già 15 mesi fà al NAB di LAS Vegas ha diffuso l'annucio a sorpresa di voler rinunciare alla videoregistrazione su cassetta (insieme a Sony che propone il BlueRay XDCam per applicazioni Professionali e Broadcast)
Panasonic ha saltato uno step tenologico: niente più videoregistratori e supporti con meccanica, una vera rivoluzione in termini di tecnologia e affidabilità con i prodotti P2 che utilizzano delle PCMCIA, una volta infilate in un PC portatile o desktop consentono di montare immediatamente!.
Panasonic ritiene di realizzare ciò che la fotografia ha fatto in favore del digitale: flessibilità, economicità ed elevatissima affidabilità.
Contando su Camcorder leggeri, con bassi consumi, manutenzione nulla e costi di gestione azzerati, Panasonic ha lanciato una nuova linea di prodotti che spazia dal DV all HD Lossness, passando per l'HDV.

Presentato al NAB , visto all'IBC e nascosto all'IBTS dalla primavera 2005 il primo Camcorder P2 HDV (HDV come compressione, ma senza cassetta) nel formato progressivo 720/25p o PAL DV interlacciato e progressivo, avrà dimensioni e consumi ridottissimi (il look è evidentemente derivato dalle cineprese 8mm con tanto di maniglia estraibile). Il prezzo sarà di circa 3.500,00 Euro + IVA senza scheda P2 .


Quando decidere l'investimento di un sistema di Post-produzione HDV?

Praticamente tutti i produttori di Editing, Compositing ed Effetti Speciali supportano l'HDV e chi non lo fà è comunque pronto per l'HD.

Avid ha annunciato una nuova versione dei suoi sistemi per l' HDV (Xpress Pro HDV prezzo N.D. e Adrenaline HD e HDV a 12.000,00 Euro + IVA)

Pinnacle tra pochi giorni avrà Liquid Edition 6 Pro che contempla l'HDV (circa 850,00 Euro + IVA)

Apple a breve lo supporterà (con Final Cut HD)

Canopus all'IBC e all'IBTS ha mostrato i primi sistemi HDV (Edius HD a circa 20.000 Euro + IVA e HDV a circa 1.000 Euro + IVA )

Matrox con le nuove schede ha garantito il supporto (visto all'IBC e all'IBTS) a circa 10.000 Euro + IVA

Vegas che è di proprietà di Sony è già pronto e presto sarà disponibile

Adobe darà supporto sia all'Editing con Premiere Pro che al Compositing con After Effect (montando una scheda sarà possibile lavorare anche in HD non compresso).

Con queste informazioni e grazie a internet che Vi consentirà di approfondirle giornalmente, stà a Voi orientarvi in questa selva di offerte.
Ricordate che in Italia non esite un formato che ha degnamente sostituito il Betacam SP, pietra miliare e unico formato universale di scambio.

Guidelli Marcello

 

 

-----------------------------
Un nostro lettore ci scrive: Buongiorno, ho da 3 settimane un filmato in DVD Pal girato con la nuova camera Sony HDV e convertito con scheda Canopus in un normale DVD Pal 625 4:3 . Il risultato và nella direzione opposta a quanto scritto nell'articolo che pubblicate.
Ricompressione analoga con conseguente decadimento della qualità d'immagine
Downconversion (per avere il prodotto finito disponibile in PAL) esente da vantaggi rispetto ad una produzione DV in quanto le teste camera hanno le stesse caratteristiche di latitudine di posa e gamma dei prodotti DV PAL (non stiamo parlando di Cine Alta e Varicam ma di Camcorder derivati da MiniDV).
NON E' VERO = HO QUI LE PROVE. LA QUALITA' E' NETTAMENTE SUPERIORE A QUELLA DI MACCHINE DV DI FASCIA ALTA ( DVCAM / DVCPRO ).
M. Roberto
-----------------------------
Ecco la replica di Marcello Guidelli: Vorrei replicare al Vs. lettore:
Tralasciando l'ignara dichiarazione "...A QUELLA DI MACCHINE DV DI FASCIA ALTA ( DVCAM / DVCPRO ). " che limita la fascia alta ai fomati DV al campionamento 4:2:0 o 4:1:1 mentre la fascia alta è rappresentata dal DV 4:2.2 altrimenti conosciuto come DVCPro 50 o Digital S. (e al NAB ne vedremo delle belle!!)

A fronte di tale dichiarazione lancio una sfida qualitativa presso la ns. sede! Per il confronto sono necessarie condizioni estreme, pertanto fisso 4 condizioni:

Girato HDV (HVR-Z1) e DV (AG-DVX100AE) contemporaneo:
scena 1 con grandangolo 32,5mm con soggetto che si muove da un'illuminazione solare piena ad un'illuminazione in ombra

scena 2 con grandangolo 32,5mm con soggetto in movimento girata in interno con illuminazione al neon

postproduzione con canopus (rotazione di 1° del girato)

confronto finale in Pal 4:3 con monitor JVC o Sony identici alla presenza di operatori del settore per il giudizio finale

Pubblicazione dei risultati della sfida sui principali Forum e testate giornalistiche video professionali con in evidenza Nome e Cognome degli sfidanti

La valutazione attribuirà:
25% alla latitudine di posa (capacità di leggere scene particolarmente contastate)
25% alla più naturale colorimetria
25% alla migliore risoluzione
25% alla minore distorsione ottica

Vista la Vs. decisione di pubblicare una scarna replica alla mia esplicita e dettagliata relazione (
la redazione ha riportato integralmente il testo ricevuto ) Vi invito a contattare il Vs. lettore M. Roberto al fine di provare le Sue dichiarazioni (ritengo corretto fissare un termine a 30 gioni da oggi ( 9 aprile, data di ricezione e nostra pubblicazione ) pena la pubblicazione della rinuncia per incompetenza riconosciuta dallo stesso).

Rimango in attesa di una Vs. precisa e sollecita risposta nei tempi stabiliti.
Distinti saluti
Guidelli Marcello

Fino ad oggi, metà agosto, Roberto non si è fatto vivo....
NON HA VOLUTO portare avanti le sue idee ed accettare la sfida.... Quindi lo dichiariamo PERDENTE nella sfida!!