La nostra email è:
mail@ilcorto.it
Parola/Frase da Ricercare...
Chi è online
 84 visitatori online
Statistiche
Utenti : 28889
Contenuti : 3695
Link web : 1
Tot. visite contenuti : 10226035
Home Tutto il resto Informazioni La battaglia sul COPYRIGHT

La battaglia sul COPYRIGHT

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
TUTTO IL RESTO - Informazioni

La battaglia sul COPYRIGHT...

Riportiamo l'articolo di Gabriele De Palma e pubblicato sulle pagine Spettacoli e Cultura del CorriereDellaSera.it

Per quale motivo quindici anni fa era possibile leggere in pubblico Joyce e adesso no?
Ce lo spiega in video un personaggio dell'Ulisse

Molly Bloom, ancora sdraiata sul letto dove Joyce l’abbandonò nell’ultimo capitolo del suo celebre Ulisse, spiega via chat a un internauta tutte le restrizioni delle leggi sul diritto d’autore, e soprattutto come ci si è arrivati. Dietro le sembianze di Molly Bloom c’è in realtà Monica Mazzitelli, scrittrice romana, che anima il gruppo «i quindici», costola del celebre progetto WuMing, e che, intervenuta in un convegno in Svezia sulla mitopoiesi, ha presentato il video, oggi reperibile sui principali siti dedicati alla condivisione di file video: YouTube, GoogleVideo, Libero Video.
Il racconto di come il copyright si sia fatto sempre più rigido e cronologicamente più esteso ripercorre le tappe classiche del dibattito sulla proprietà intellettuale, che però forse non tutti conoscono.
La data clou di questa lunga storia (che inizia ufficialmente con lo statuto della regina Anna nel 1709) è il 1998, anno in cui viene accettata, prima in Usa e poi nella maggior parte degli altri Paesi, l’estensione della tutela da cinquanta a settanta anni dopo la morte dell’autore. Quindi L’Ulisse nel 1991 (Joyce muore nel 1941) passò in pubblico dominio, ovvero a disposizione gratuita di tutti e senza autorizzazione dell’autore, per tornare sotto il controllo degli eredi dell’autore nel 1998 e fino al 2011.

TOPOLINO -
La riforma del 1998 è stata fortemente sostenuta, tra gli altri, dalla Disney proprio a ridosso della scadenza del copyright per il suo eroe numero uno: Topolino. Miss Molly ironizza sul rischio di povertà scampato dagli eredi Disney (normativa velocemente accettata dal governo Clinton e ratificata col nome di Sonny Bono, compagno di Cher) e su quello dei lettori che avrebbero vissuto in un mondo popolato di personaggi Disney orribilmente decontestualizzati dall’allegra e rassicurante vita a Paperopoli. Gli appassionati del fumetto nostrano ricorderanno a tal proposito le meravigliose tavole di Andrea Pazienza «Perché Pippo sembra uno sballato?».

CREATIVITÀ E NOVITÀ -
Oltre alla durata della protezione, francamente eccessiva, stupiscono altre limitazioni riconosciute e tutelate dalla legge: non si può leggere pubblicamente un’opera protetta, non la si può modificare, non si possono fare traduzioni non autorizzate. E le restrizioni aumentano, in modo lesivo dei diritti del cittadino consumatore, per le opere in formato digitale. «Ma lo stesso Topolino, non venne a sua volta copiato da un fumetto noto come Steamboat Bill?» chiede l’informato interlocutore di Miss Molly. Certo, ma allora le leggi erano diverse, la protezione era garantita solo per 14 anni. Che poi proprio personaggi usciti dalle menti e dalle penne altrui (Cenerentola e Pinocchio solo per citare i due casi più famosi) abbiano dato lustro e celebrità a quello che presto divenne il colosso dell’intrattenimento per bambini di tutto il mondo, non fa che ribadire l’utilità di una legislazione meno rigida e severa. La stessa opera di Joyce non è altro che un’opera derivata dal poema omerico, perché, come ricorda Molly Mazzitelli, non esiste un’idea creativa che nasca dal nulla: tutto è derivato da idee altrui, raffinate, elaborate, distorte o parodiate. Partiamo tutti dalla cima di una piramide, è il monito finale del video, riprendendo a sua volta la celebre metafora dei nani sulle spalle dei giganti come già aveva notato Bernardo di Chartres nel XII secolo. È che qualcuno o non se ne è accorto o preferisce considerarsi, erroneamente, il gigante.

di Gabriele De Palma per il Corrieredellasera.it 03 novembre 2006