2024 albero su mare v1 1200

Billy Ray, sceneggiatore di Captain Phillips  e The Hunger Games, è stato intervistato lo scorso anno. Tra le altre parole di saggezza che aveva riguardo alla sceneggiatura c'era questa citazione:

“Se fossi un meccanico, non andresti da Starbucks per due ore ad aspettare che la tua musa ti dica cosa fare con un carburatore. Dovresti semplicemente metterti sotto il cofano e riparare quel dannato carburatore. E il 95% di ciò che facciamo è risolvere problemi. Non aspetta davvero un momento di ispirazione artistica. È la risoluzione dei problemi. "Ho bisogno che questo personaggio vada da questo punto del suo arco narrativo a quel punto del suo arco narrativo. Come lo faccio?' E questo è tutto. È solo stridente. E tu vuoi essere la persona che lo fa di più e con più allegria.

In superficie potrebbe sembrare duro o a regola d'arte, ma in realtà, in un certo senso, è liberatorio. Perché una delle cose più grandi che ostacola gli scrittori - e io ne ho sicuramente sofferto - è essere troppo legati emotivamente a ciò che scrivi, a dove sei tu la sceneggiatura, e se qualcuno la critica, è come se fossero condannando te, o almeno il tuo bambino, a cui sei così egoisticamente connesso, che non riesci a vederlo obiettivamente.

Non è così facile evitare questa trappola, perché il processo di immergersi in profondità in una storia e in personaggi – e coltivarli per mesi, impregnandoli con idee ed emozioni su cui hai lavorato duramente e su cui ti senti fortemente – tende a creare un livello di identificazione profonda e sensibile con il proprio lavoro. E sentire le persone mettere in discussione questi elementi può essere davvero doloroso.

Ma è un dolore inutile, che impedisce di svolgere al meglio il proprio lavoro. E alimenta solo quella forza nefasta dentro di te che Steven Pressfield, in The War of Art, chiama "resistenza" - quella voce che cerca di dissuaderti dal perseguire i tuoi sogni, perché "qual è il punto, non puoi davvero riuscirci?" Esso."

E se invece ci separassimo dalle nostre creazioni? E se vedessimo ciascuno di essi più come macchine che abbiamo costruito, che sappiamo avranno bisogno di aggiustamenti, forse di grandi dimensioni, prima che possano finalmente uscire nel mondo ed essere prodotti apprezzati ed essenziali per milioni di persone? Ciò può eliminare parte dell'emotività dall'intero processo di acquisizione di feedback e dal dover affrontare ripensamenti e riscritture.

Lo stesso vale per l'idea che tutto ciò che facciamo veramente è metterci sotto il cofano e fare il lavoro. Adoro l'idea che non ci sia nulla necessariamente di così personale, esaltato o carico di emozioni - e la sensazione del proprio valore personale in gioco. Invece, posso semplicemente chiedere con sobrietà: "Cosa deve essere risolto qui?" E poi inizia a provare a risolverlo. Sapendo che probabilmente non sarà perfetto al primo o al secondo tentativo, e accettarlo. E disposto a fare il lavoro.

In un certo senso, una sceneggiatura o un copione per un pilota televisivo è come un'idea per un'azienda. È un audace suggerimento di un potenziale prodotto che potrebbe diffondersi nel mondo e influenzare positivamente un gran numero di persone. Ho letto alcuni articoli su ciò che gli imprenditori affrontano negli incontri con potenziali finanziatori e partner commerciali. Sembra che si trovino ad affrontare un'assoluta tempesta di critiche e di domande su ogni aspetto di ciò che hanno escogitato. Proprio come fanno gli sceneggiatori.

Forse per loro è più facile raggiungere una distanza emotiva dalla loro creazione, sapendo che il vero obiettivo è che abbia un grande valore per il mondo in generale. Il che chiaramente non è una cosa facile da raggiungere. E sanno che esiste un processo per arrivare a un punto in cui si hanno le migliori possibilità di farlo. Questo processo prevede il feedback e la collaborazione di molte persone intelligenti ed esperte che danno input lungo il percorso e alla fine devono salire a bordo per aiutare a guidarlo verso un possibile successo finale. In cosa tutto questo è diverso dalla sceneggiatura?

Lo so, William Goldman ha scritto in Adventures in the Screenwriting Trade che "nessuno sa niente", ma penso che intendesse dire che nessuno sapeva quale sarebbe stato un film di successo in un dato momento sul mercato. Non che nessuno sappia nulla della storia, dei personaggi, della scrittura o di ciò che rende qualcosa potenzialmente avvincente ed efficace. In realtà molte persone sanno molto di queste cose. E di solito vale la pena prendere molto sul serio il consenso delle opinioni di queste persone quando si scrive e si riscrive, con la consapevolezza che l'opinione di nessuna persona è sacra e il successo non è mai garantito. John August e Craig Mazin hanno parlato di come questa citazione venga spesso applicata erroneamente in un episodio del loro podcast Scriptnotes .

Sono d'accordo con Billy Ray sul fatto che il processo di dare forma a un'idea o a una sceneggiatura - al punto in cui gradualmente impressiona sempre più persone che possono aiutarla ad andare avanti - è quasi interamente una questione di risoluzione dei problemi. È semplice come identificare quali sono i problemi e risolverli. E questo è ciò che è la maggior parte della scrittura.

Potresti chiedere, quindi, "qual è il ruolo delle idee e dell'ispirazione?" Direi che le idee arrivano quando lo scrittore ha deciso che sta cercando un'idea, o una soluzione di qualche tipo, e apre la sua mente a quella che arriva. Lo scrittore pone una domanda a qualunque parte della nostra mente generi e fornisca tali cose, quindi ascolta la risposta o fa un brainstorming per trovarne una. In realtà questa è solo una forma di risoluzione dei problemi.

Dal momento in cui ho un'idea per una sceneggiatura, mi trovo immediatamente di fronte a problemi da risolvere: domande su come farla funzionare, cosa dovrebbe accadere e quando e una miriade di potenziali decisioni da prendere. Si potrebbe dire che ognuno di questi è un “problema”, finché non viene decisa ed eseguita una soluzione. E costruiamo una sceneggiatura pezzo per pezzo, risolvendo ciascuno di questi "problemi" man mano che si verificano.

Forse sembra troppo negativo. Forse è più attraente dire che il processo è quello di generare continuamente idee e risposte, di scavare più a fondo e trovare le scelte migliori per popolare una storia e una sceneggiatura in modo più avvincente. Ma in ogni caso, il punto è che puoi demistificare il processo - e prendere un po' dello  stupore emotivo e del travaglio  che ne deriva - vedendolo come un rimboccarsi le maniche, guardando cosa deve essere risolto, e poi risolverlo, una decisione alla volta.

E infine, ricordando che quando gli altri intervengono, non è su te che influiscono. È questa macchina di emozioni, storia e personaggio che hai costruito. E probabilmente avrà bisogno del contributo di persone come loro – e dei vostri continui sforzi per risolvere i problemi – per un certo periodo di tempo, prima di arrivare finalmente alla migliore versione possibile. Almeno, questo è quello che dico a me stesso quando invio il mio lavoro per ottenere feedback dalle persone. E sembra che le cose vadano molto meglio così.

Articolo da ScreenCraft