Rompere il quarto muro è una tecnica drammatica secolare nelle opere di narrativa in cui i personaggi mostrano la consapevolezza di essere in un'opera del genere.

Il termine vero e proprio ha origine dal teatro nel 1800, dove i cofanetti venivano costruiti con tre pareti fisiche che potevano essere manipolate per qualsiasi esigenza di produzione, con la quarta parete che era il muro immaginario tra il palco e il pubblico. Quando in alcune opere teatrali i personaggi si rivolgevano direttamente al pubblico, stavano rompendo la quarta parete.

Questa tecnica è uno degli strumenti più unici utilizzati oggi nel cinema, nella televisione e nel teatro. Crea un momento che si connette direttamente con il pubblico a un livello più personale, permettendogli di diventare qualcosa che va oltre il semplice osservatore. Tuttavia, se usato in modo errato, può anche essere un espediente che fallisce e rallenta ogni possibile slancio della storia.

Recentemente abbiamo assistito al ritorno di questa tecnica, in particolare con due film di successo e una serie televisiva di successo.

Deadpool è diventato il film R-rated di maggior successo - finora a livello globale - di tutti i tempi, e lo ha fatto principalmente grazie alla rottura del quarto muro. Qualcosa che nessun altro film di supereroi ha mai fatto.

Anche il film candidato all'Oscar La grande scommessa ha rotto la quarta parete più volte, interrompendo la storia a metà per rivolgersi al pubblico.

L'ormai iconico personaggio di Kevin Spacey, Frank Underwood in House of Cards, spesso rompe il quarto muro permettendo a Underwood di rivolgersi al pubblico con vari pensieri interiori che condivide direttamente con noi, il pubblico.

Con tre progetti di successo che infrangono quella quarta parete, Hollywood può sicuramente aspettarsi di essere bombardata da molteplici sceneggiature specifiche di sceneggiatori emergenti - così come quelli affermati - che tentano di emulare una tendenza di successo così recente. Sì, diventerà sicuramente una tendenza nella sceneggiatura.

L'eccellente  video saggio  del canale Youtube Now You See It How to Break the Fourth Wall  mostra le migliori pratiche per l'utilizzo di questa tecnica unica. Prendiamo queste quattro migliori pratiche e le elaboriamo.

Se tu, lo sceneggiatore, stai pensando di rompere la quarta parete in qualsiasi modo, forma o forma nelle tue sceneggiature, ecco i quattro modi in cui questa tecnica viene utilizzata al meglio.

1. COMMEDIA

La commedia è il genere principale che più spesso rompe la quarta parete. La tecnica viene spesso utilizzata con una certa parsimonia, il che è saggio in quanto crea più impatto come effetto sorpresa. Sì, Deadpool è riuscito a utilizzarlo per scopi comici apparentemente ogni pochi minuti di tempo sullo schermo, tuttavia, il film stesso è stato unico nell'abbracciare quel concetto con tutta la sua forza. Il fulmine in una bottiglia è difficile da catturare, quindi non aspettarti tanto successo nel rompere quel quarto muro a quel livello all'interno delle tue sceneggiature a meno che non trovi un diverso tipo di approccio.

Affinché la commedia della rottura del quarto muro funzioni, le battute devono uscire dal film per fornire la battuta finale. Caso in questione, le esilaranti scene di posizionamento di prodotti di Wayne's World.

La scena viene interrotta e i personaggi raccontano la battuta ironica direttamente al pubblico, al di fuori della trama.

La tecnica è usata male e non è sufficiente quando i personaggi si rivolgono alla telecamera semplicemente con un occhiolino e un sorriso.

Quindi, se hai intenzione di usarlo per una commedia, assicurati di sfruttare al meglio la tecnica uscendo davvero dalla storia con una battuta degna di nota da raccontare.

2. INTIMITÀ CON I PERSONAGGI

Rompere il quarto muro è un modo interessante per convincere il pubblico a connettersi con i personaggi. Che si tratti di un dramma o di una commedia, quando un personaggio si ferma per rivolgersi al pubblico si stabilisce una connessione. In parte è dovuto alla spinta psicologica che deriva dal fatto che una star del cinema sembra rivolgersi a te personalmente. Nonostante tu sappia che c'è un pubblico intorno a te nei cinema, quei grandi occhi su quel grande schermo sembrano fissarti direttamente su di te. L’altro aspetto è il più importante, almeno dal punto di vista narrativo. Quando un personaggio si rivolge al pubblico, c'è intimità lì. Una connessione. Attira il pubblico nel film. Permette loro di sentirsi come se fossero coinvolti nel dramma, nell'azione e negli scherzi. Un altro motivo per cui Deadpool ha avuto così tanto successo. Il pubblico ha mai avuto la possibilità di conoscere un supereroe così intimamente?

Ferris Bueller è diventato uno dei personaggi più simpatici della storia della fantasia, in gran parte grazie a questa tecnica.

All'inizio di Ferris Bueller's Day Off, la storia inizia come la maggior parte delle altre. Vengono introdotti i personaggi e il concetto. Ma guarda come cambia drasticamente il tono del film durante l'ultimo momento di questa scena.

Non importa quante volte hai visto questo film - e per me sono decine - c'è ancora quell'esplosione di energia quando Ferris si gira verso la telecamera e ci invita al divertimento. E questo continua per tutto il film.

E anche nei momenti finali di una delle più grandi sequenze di titoli di coda che abbiamo visto.

Conosciamo Ferris. Non perché la trama lo abbia portato attraverso colpi di scena esilaranti e drammatici, ma perché ci ha guardato direttamente e ha condiviso i suoi pensieri e sentimenti.

3. INFORMAZIONE ED ESPOSIZIONE

La Grande Scommessa era una sceneggiatura e un film che consisteva in infinite raffiche di termini e situazioni economiche che la maggior parte del pubblico in generale non avrebbe mai compreso appieno, soprattutto entro i confini di un film di due ore. Eppure lo scopo dell’intero film è mostrare come e perché l’America – e il resto del mondo in seguito – hanno sofferto a causa del disastro finanziario del 2008.

Allora come possono gli sceneggiatori e i registi trasmettere un messaggio così difficile? Rompendo la quarta parete.

Il film utilizzava il personaggio di Ryan Gosling come narratore, spesso parlando direttamente alla telecamera, oltre ad alcuni cameo creativi e sorprendenti come quello sopra. Questo era un modo creativo per condividere informazioni difficili ma necessarie senza doverle annacquare troppo.

È anche un modo unico per offrire esposizione. Normalmente, una cattiva esposizione viene inserita nel dialogo e interrompe immediatamente lo slancio della storia. Ma quando la sceneggiatura rompe il quarto muro, può far ripartire il pubblico abbastanza da perdonare la caduta di informazioni.

Quei bravi ragazzi di Martin Scorsese ci ha regalato uno dei casi più sorprendenti di rottura del quarto muro. Il film è narrato dal personaggio principale Henry, interpretato da Ray Liotta. Alla fine del film Henry racconta le conseguenze degli eventi che abbiamo visto svolgersi. Sono molte informazioni. Scorsese e gli scrittori hanno fatto la scelta brillante di interrompere quella narrazione rompendo il quarto muro e facendo in modo che Liotta, nei panni del suo personaggio Henry, si occupasse dell'esposizione parlando direttamente al pubblico. Questo momento offre anche la suddetta intimità con il personaggio per cui facevamo il tifo.

Scorsese ha utilizzato questa tecnica più recentemente nel suo film The Wolf of Wall Street.

Rompere il quarto muro è un modo creativo per gestire situazioni difficili durante il processo di scrittura e realizzazione del film poiché le informazioni devono essere condivise e l'esposizione deve essere spiegata. Abbinalo a ragioni stilistiche, come ha dimostrato Scorsese, e questa tecnica potrebbe risolvere alcuni problemi e allo stesso tempo far risaltare la tua sceneggiatura.

4. PER TURBARE IL PUBBLICO

Questa tecnica viene utilizzata in modo molto diverso rispetto ai tre punti precedenti. Rompere il quarto muro facendo sì che un personaggio di un film horror o di un thriller psicologico guardi direttamente il pubblico crea un momento inquietante, portando così il pubblico nel film terrificante o nella situazione cinematografica in questione e portando quei personaggi inquietanti e spaventosi nelle sale e i nostri salotti.


Per anni agli sceneggiatori è stato detto di evitare espedienti. Se usato male, rompere il quarto muro può sicuramente diventare un espediente dispiaciuto che allontana il pubblico dalla storia. Tuttavia, il recente successo con questa tecnica ha dimostrato che esiste un posto per questa tecnica. Può brillare nel genere commedia. Può avvicinare il pubblico ai personaggi. Può fornire le informazioni e l'esposizione di cui il pubblico ha bisogno in modo creativo e stilistico. E può turbare il pubblico, dando loro il brivido che cercano mentre guardano film horror e thriller psicologici.

Rompere il quarto muro è solo un trucco se usato male. Se trovi un modo creativo per utilizzarlo, diventa una tecnica che può far risaltare la tua sceneggiatura. Detto questo, devi scegliere saggiamente il tuo utilizzo. A causa del recente successo dei suddetti film e programmi televisivi che l'hanno utilizzato, diventerà sicuramente una tendenza di Hollywood nei prossimi mesi. Sentiti libero di saltare sul carro, ma fallo abbastanza saggiamente in modo da non diventare semplicemente un imitatore, piuttosto, stai tentando di innovare una tendenza collaudata.

Articolo di Ken Miyamoto  per screencraft.org