2024 albero su mare v1 1200

Girato a Misiones, il film racconta il rapporto teso tra una ragazza e suo padre dopo la misteriosa morte di sua madre. "Mi interessa fare un film che mescoli il fantastico e il drammatico, in modo che ci faccia pensare e ci metta alla prova come persone", dice il regista.

Come nasce la storia del legame familiare in questo particolare contesto?
FIGLIA di Martín DesalvoNel 2016 con Francisco Kosterlitz eravamo in pieno studio per sviluppare la sceneggiatura di El silencio del cazador  (2019) nella provincia di Misiones. A quel tempo si sapeva che l'INCAA avrebbe lanciato un bando per film a basso budget e il produttore ci ha chiesto se avevamo qualcosa da presentare. Ero interessato a lavorare di nuovo con il genere, poiché la mia esperienza con The Day ha portato l'oscurità (2013) è stato molto positivo. Con Francisco abbiamo iniziato a valutare le possibilità e tra i riferimenti testuali che avevamo abbiamo trovato il racconto di Quiroga “El hijo”. Il racconto ha quella meravigliosa capacità di Quiroga di trasmettere emozioni da una situazione fantastica che è il germe da cui mi piace partire quando lavoro con il genere. Così abbiamo deciso di fare un adattamento, abbastanza gratuito tra l'altro, e abbiamo iniziato a scrivere. Nella storia di Quiroga il protagonista è un ragazzo di circa 12 anni e ci sono solo il padre e il figlio. Ci è sembrato più interessante che sia un adolescente proprio per il conflitto di età, che è dove si è più concentrati sulla ricerca della propria identità e sul destino della propria vita. L'idea che fosse una giovane donna invece che un ragazzo è venuta a Mora Recalde e questo ha reso la sceneggiatura un colpo di scena ancora più interessante. Mettendo una donna in quel mondo scarno e tetro, ha reso più complesso l'atteggiamento di Juana nei confronti della vita in quel mondo solitario e isolato. E poi sorge la domanda ovvia; Cosa è successo alla madre, dov'è adesso? Quella figura importante, indispensabile per una famiglia, ci ha portato a immaginare i possibili scenari. E da questa assenza si comincia a costruire il conflitto familiare. La madre appare solo in una vecchia foto e non se ne parla mai. Sembra che ci sia una sorta di tabù sulla sua morte. E questo è precisamente l'innesco iniziale del conflitto interno di Juana. È a partire da questa domanda che il protagonista mobilita tutto il suo mondo e rivoluziona quel nucleo familiare. Ha reso più complesso l'atteggiamento di Juana nei confronti della vita in quel mondo solitario e isolato. E poi sorge la domanda ovvia; Cosa è successo alla madre, dov'è adesso? Quella figura importante, indispensabile per una famiglia, ci ha portato a immaginare i possibili scenari. E da questa assenza si comincia a costruire il conflitto familiare. La madre appare solo in una vecchia foto e non se ne parla mai. Sembra che ci sia una sorta di tabù sulla sua morte. E questo è precisamente l'innesco iniziale del conflitto interno di Juana. È a partire da questa domanda che il protagonista mobilita tutto il suo mondo e rivoluziona quel nucleo familiare. Ha reso più complesso l'atteggiamento di Juana nei confronti della vita in quel mondo solitario e isolato. E poi sorge la domanda ovvia; Cosa è successo alla madre, dov'è adesso? Quella figura importante, indispensabile per una famiglia, ci ha portato a immaginare i possibili scenari. E da questa assenza si comincia a costruire il conflitto familiare. La madre appare solo in una vecchia foto e non se ne parla mai. Sembra che ci sia una sorta di tabù sulla sua morte. E questo è precisamente l'innesco iniziale del conflitto interno di Juana. È a partire da questa domanda che il protagonista mobilita tutto il suo mondo e rivoluziona quel nucleo familiare. essenziale per una famiglia ci ha portato a immaginare i possibili scenari. E da questa assenza si comincia a costruire il conflitto familiare. La madre appare solo in una vecchia foto e non se ne parla mai. Sembra che ci sia una sorta di tabù sulla sua morte. E questo è precisamente l'innesco iniziale del conflitto interno di Juana. È a partire da questa domanda che il protagonista mobilita tutto il suo mondo e rivoluziona quel nucleo familiare. essenziale per una famiglia ci ha portato a immaginare i possibili scenari. E da questa assenza si comincia a costruire il conflitto familiare. La madre appare solo in una vecchia foto e non se ne parla mai. Sembra che ci sia una sorta di tabù sulla sua morte. E questo è precisamente l'innesco iniziale del conflitto interno di Juana. È a partire da questa domanda che il protagonista mobilita tutto il suo mondo e rivoluziona quel nucleo familiare.    

La descrizione della routine del luogo è molto genuina, quasi documentaristica, immagino che abbia richiesto molte ricerche preliminari.
Sì, la verità è che c'è molto lavoro investigativo, soprattutto da parte di Francisco che, oltre a indagare per El silencio del cazadorSviluppo anche diversi capitoli di documentari nell'area. Quando abbiamo iniziato con l'adattamento della storia, ci siamo trovati anche noi con la necessità di dare corpo a quella famiglia. di cosa vivono? A cosa servono e come funzionano o la mancanza di lavoro li modifica? Quindi farli lavorare con la produzione artigianale di carbone ci ha dato un doppio significato. Un senso pratico in cui questa dura vita di sussistenza nella zona viene raccontata in modo quasi documentaristico e anche un'importante possibilità metaforica. Carbone come elemento magico metaforico; È molto comune nella zona "leggere" il carbone. Il forno, il fuoco e le sue possibilità estetiche quando si tratta di generare immagini è anche qualcosa di molto interessante e unico da vedere in un film.

Ci parli della selezione degli attori
I tre attori principali hanno caratteristiche diverse e sono stati scelti per motivi diversi. Avevo lavorato con Jazmin in una serie che ho diretto Malicia ed è stato un suggerimento di Mora quando stavo pensando a un possibile cast. Aveva lavorato con Bruno in Il silenzio del cacciatore e ho pensato che potesse essere perfetto per il ruolo. E lavoro con Mora da cinque film e lei ha sempre una capacità di consegna, generosità e versatilità quando si tratta di comporre i suoi personaggi che la voglio sempre nella mia squadra. Ma se dovessi definire un'unica qualità che li racchiude tutti e tre, direi che tutti e tre sono ottimi attori. Il loro livello di impegno, il modo in cui mettono corpo e anima nel loro lavoro e il modo in cui riescono a trasmettere verità ed emozione nelle loro composizioni sono un fattore comune che li ha resi il cuore emotivo del film. 

La giungla acquista un'importanza particolare nella trama, come hai scelto la location?
La provincia di Misiones ha quel particolare magnetismo della terra rossa e l'esuberanza della giungla. È anche una delle particolarità che rendono così speciale il lavoro di Quiroga. Quando eravamo lì a fare ricerche per la creazione della sceneggiatura, abbiamo visitato la sua casa e poi abbiamo immaginato e compreso la vera dimensione di come doveva essere vivere nel mezzo della giungla in quel momento. È qui che si apprezza davvero la meravigliosa complessità del “monte” (come lo chiamano i locali). Addentrandosi nella giungla è impossibile non sentire l'energia vitale che emana da quel luogo e quanto sia difficile vivere in quell'ambiente. È anche notevole come una visione spirituale di quella giungla sia radicata nella cosmogonia del luogo, che è piena di miti e leggende pagane che sono una parte essenziale della vita e delle credenze del luogo. 

Il film inizia con la forma di un dramma familiare per diventare un thriller, hai pensato alla struttura del genere o è stata la storia a segnare la storia?
Sono consapevole di questo incrocio di generi e mi sembra che sia un bellissimo veicolo per contrabbandare emozioni in modo efficace, intrattenendo lo spettatore e allo stesso tempo facendolo riflettere. Mi interessa fare un cinema che mescoli il fantastico e il drammatico, in modo che ci faccia riflettere e ci interroghi come persone. Mi piace correre il rischio di mescolare i generi, anche se questo di solito è visto come un problema quando si definisce un film. Ma mi sembra più importante essere onesto con il proprio lavoro piuttosto che cercare di inserirsi nel mercato.

C'è un lavoro sensoriale di sperimentazione adolescenziale che si trasferisce alla sperimentazione formale, con montaggi e immagini surreali, quali sono state le linee guida per la post produzione in tal senso?
Questo è un aspetto che era delineato nella sceneggiatura ma che non ha avuto uno sviluppo concreto. Infatti, quando abbiamo iniziato le riprese a Misiones per mancanza di tempo, si è deciso di ridurre al minimo quella risorsa e si è girato molto poco. Poi, in fase di montaggio, non c'era modo di chiudere la storia senza quelle immagini, che sono frammenti di ricordi distorti dal tempo, che appaiono a Juana nella sua mente. Ricordo che dissi a Tambornino (il montatore) tutto ciò che credevo si potesse contare con queste immagini che non esistevano e che sentivamo che senza questo materiale il film non si poteva contare. Quindi abbiamo deciso di generare quel materiale, filmando le scene che ora sono nel montaggio finale e che si sono rivelate fondamentali per la comprensione.

Intervista di Emiliano Basile per escribiendocine.com