2024 albero su mare v1 1200

Matías Desiderio film cortometraggiPrimi passi del suo esordio. L'attore, regista e sceneggiatore ha parlato del film che lo vede davanti e dietro la macchina da presa. “Car 24 è il risultato di tutto quello che ho imparato durante la mia carriera”, ha sottolineato. Pablo in Palermo Hollywood (2004) è stato uno dei suoi primi e popolari personaggi sul grande schermo, mentre Nicolás in The Last Zombie (2022) è stato uno dei più recenti. Nel corso degli anni, Matías Desiderio ha interpretato molteplici ruoli attraverso diversi formati audiovisivi. Tuttavia, Car 24 ha un significato speciale, poiché, oltre ad essere il suo primo film da regista, è un progetto a cui ha partecipato anche come attore protagonista, produttore e co-sceneggiatore. Dialogando con EscribiendoCine , ha raccontato i dettagli della sua esperienza arricchente.

Car 24 nasce come cortometraggio e finisce per diventare un lungometraggio: cosa ha motivato l'estensione del racconto audiovisivo?
In realtà, venivo da un provino in cui ero stato molto vicino ad afferrare un personaggio. Mi sono trovato in un bar con un amico che fa il regista (Salvatore di Costanzo), gli ho detto un po' scoraggiato che volevo davvero girare in inglese e non mi era stato dato quel ruolo, e lui mi ha chiesto: ' Ho un'idea che mi piace molto per un cortometraggio'. Si trattava di due sicari molto diversi e sconosciuti che dovevano uccidere qualcuno, erano chiusi in un'auto per qualche motivo e non potevano andarsene finché il bersaglio non fosse uscito, era in ritardo, il che ha generato una specie di bomba a tempo, oltre nel caldo soffocante della California.

Ho pensato che fosse un'idea fantastica e ho proposto di farne un lungometraggio. Mi ha guardato, ha riso, e da quella notte ho cominciato a scrivere, e sono stato così, come un ossessivo, per tre mesi, dentro un appartamento a Los Angeles. Così è nata Car 24 ! Successivamente, abbiamo portato la sceneggiatura -che abbiamo co-scritto con Salvatore- a diversi produttori, pensando che forse non fosse successo niente, ma sono iniziate le prime conquiste, come l'ottenimento di finanziamenti.

Per me è stata una sfida tremenda, visto che fino a quel momento avevo diretto solo pochi videoclip e cortometraggi. Anche se avevamo una sceneggiatura, a volte era in qualche modo sperimentale.
Com'è stato il processo di ripresa?

Abbiamo girato il film nel corso di un mese. L'abbiamo girato in un posto molto pericoloso a Los Angeles: di giorno è un luogo di fabbriche e uffici, e di notte c'è molta prostituzione e spaccio di droga agli angoli. Ho sentito che dal momento che la storia si svolge lì, dovrebbe essere lì, e vediamo molti personaggi marginali nel film. Stavo facendo casting con persone reali e cercavo quelli che pulsavano che, in certi personaggi, potevano essere buoni. Per 15 giorni abbiamo girato le scene dell'auto, e poiché il film ha dei flashback e va in luoghi diversi, quelle sequenze sono state per le altre due settimane, più a Hollywood.

In una recente intervista a EscribiendoCine, in cui hai parlato del progetto, hai detto che non avresti ricoperto tutti quei ruoli contemporaneamente (recitazione, regia, sceneggiatura e produzione), ma hai consigliato di viverlo qualche volta perché è una grande scuola, cosa lezioni impari? hai preso?
Come regista, penso di dare molta importanza all'intuizione degli attori, ascoltando ciò che provano all'interno della scena, dando loro indicazioni, ma anche lasciandoli essere. D'altra parte, dai importanza a tutte le aree tecniche. Devi sapere quando lasciare andare il tuo ego e capire che qualcuno che ti è accanto può darti una soluzione a una scena, e quindi essere migliore di quello che stai vedendo. Si tratta di flessibilità alla ricerca dell'eccellenza, cercando di catturare una verità e trasmetterla. È successo qualcosa di collettivo, che ci ha fatto credere tutti nel progetto e spingere energicamente nella stessa direzione. Quanto ottenuto in Car 24 ha contribuito a raggiungere un risultato di cui sono orgoglioso.

Non esiste scuola migliore del campo. E salvo il giudizio se il film è buono o meno, per me è stata una grande scuola in cui ho imparato molto. Inoltre sono sempre stato molto curioso. Lavoro come attore da 20 anni e ho partecipato a molti set, quindi ho prestato attenzione a tutto ciò che c'è dentro, e questo mi ha dato un'idea delle varie aree all'interno di un film. Credo che Car 24 sia il risultato di tutto ciò che ho imparato durante la mia carriera, non solo come attore, ma anche guardando lavorare registi e altri ambiti. Ed è un sogno che si avvera, ho lottato molto per questo film, ci ho creduto molto fin dall'inizio. È stato un continuo convincere, e ho avuto la fortuna di incontrare persone che lo hanno fatto e che mi hanno accompagnato.

Prima della sua prima per il grande pubblico, il lungometraggio ha iniziato un percorso di festival...
Sì, l'abbiamo inviato a tre festival e ne abbiamo concordato uno, che è l'Arpa International Film Festival (Arpa IFF), che si tiene da 25 anni. Lì siamo stati nominati per "Miglior film", "Miglior regista" e "Miglior sceneggiatura". Quindi, siamo andati alla presentazione a Los Angeles, e abbiamo avuto la fortuna di incontrare alcuni noti personaggi di Hollywood, alcuni di loro dicevano 'Ho visto il film e l'ho adorato.' Abbiamo vinto il premio del pubblico che, secondo me, è uno dei più importanti. È stata davvero una carezza, una coccola che mi ha fatto capire che valeva la pena fare questo film, e che il mio impegno e quello di tutti i miei colleghi non era stato vano. Siamo saliti tutti sul palco ed è stata una serata meravigliosa. Per quanto riguarda la premiere, fortunatamente il film ha già una distribuzione.

Intervista di Matias E. Gonzalez per escribiendocine.com